Respinta l’approvazione del Dup a Cernusco; una conferma del rapporto a distanza tra Pd e Vivere Cernusco?

Contrari Vivere Cernusco e due Consiglieri democratici

Spaccata la maggioranza a Cernusco sul Naviglio. È partito tutto dalla presentazione del Dup, Documento Unico di Programmazione, che, una volta approvato, sarebbe stato valido anche in seguito alle prossime elezioni amministrative. Il testo è stato respinto non solo dall’opposizione, ma anche Vivere Cernusco (i due presenti, Marchetti e Beniamino). Con 10 voti favorevoli, 10 contrari e 1 astenuto, la proposta di approvazione è stata respinta.

10 voti non sono stati sufficienti all’approvazione del testo

Se per i voti favorevoli Zacchetti ha potuto contare sulla maggioranza del Pd e su Gargantini di Cernusco Civica, il testo non è stato approvato, perché ai dell’opposizione si sono aggiunti quelli di Marchetti, che da tempo lamenta rapporti spinosi con il Pd, e Beniamino, Consiglieri di Vivere Cernusco, oltre a quelli dei due consiglieri democratici Maurizio Rosci e Manuela Longoni.

Che ne sarà dell’attuale maggioranza?

Non è bastato il discorso del Sindaco, che in merito al testo durante il Consiglio comunale ha dichiarato: «È ovvio che un DUP non è frutto solo del lavoro di un sindaco, è frutto del lavoro degli assessori, della maggioranza, dei tecnici. È un documento condiviso in maggioranza, approvato in Giunta, non nego che è stato anche frutto di mediazione perché in certi casi avevamo opinioni diverse. Certamente può avere aspetti migliorativi o che non piacciono a tutti, ma certamente è frutto di un lavoro insieme».