Pessano: bocciata la mozione in merito all’assalto di Forza Nuova alla sede nazionale della CIGL

Villa: «Parteciperò, insieme ai miei colleghi, a sostenere la posizione della richiesta di scioglimento dei partiti che puntano a rifondare il partito fascista come previsto dalla Costituzione italiana»

Impedire alle organizzazioni di matrice fascista di sfruttare spazi pubblici per eventi propagandistici e il sostegno da parte del Sindaco per lo scioglimento del partito Forza Nuova. Sono state queste le proposte della mozione presentata da Filippo Fondrini (Nel Futuro Insieme) durante il Consiglio comunale del 4 novembre. Se sul secondo punto il partito pessanese di centrosinistra ha trovato disponibilità e apertura, sul primo sono emerse delle resistenze. Non avendo raggiunto un punto comune, la mozione è stata bocciata.

Una mozione simile era stata presentata a febbraio

Questa volta però la discussione ha preso una piega più specifica: la mozione è stata infatti redatta a seguito dell’assalto da parte del partito Forza Nuova alla sede nazionale della CIGL, lo scorso 9 ottobre a Roma.
«Oggi come oggi è importante aprire gli orizzonti. dobbiamo considerare tutto ciò che è violenza, prevaricazione– ha dichiarato Mario Pirovano (capogruppo di Oltre! Con Villa Sindaco) facendo riferimento alla Risoluzione del Parlamento europeo sull’Importanza della memoria europea del settembre del 2019-. Non siamo arrivati a una quadra, ma non per motivi politici; condanniamo questi atti, siamo vicini a coloro che li subiscono. Ci siamo trovati in disaccordo rispetto alle richieste della mozione. La modifica dei documenti comunali rispetto all’occupazione del suolo pubblico diventa una modifica importante e soprattutto dovrà essere gestita dagli Uffici».

Fondrini: «Questa mozione parte da un fatto»

Rispondendo alla considerazione di Pirovano rispetto al testo europeo del 2019, Fondrini ha dichiarato: «Non abbiamo allargato il testo ad altri totalitarismi semplicemente perché questa mozione parte da un fatto, verificatosi in un luogo specifico, da specifici soggetti che fanno parte di un partito neofascista».
«Il senso di questa mozione-ha aggiunto Fondrini- sta nella portata simbolica che questi impegni portano con sé. Io ho la sensazione che la memoria dell’antifascismo si sbiadisce giorno dopo giorno, mentre la memoria del fascismo riemerge in una revisione mitica, come se fosse un passato a cui guardare come esempio».

Villa si è dichiarato disponibile a sostenere la posizione della richiesta di scioglimento di Forza Nuova

Il Sindaco Alberto Villa ha specificato, durante la discussione: «Anche se voteremo contro questa mozione, io parteciperò, insieme ai miei colleghi, a sostenere la posizione della richiesta di scioglimento dei partiti che puntano a rifondare il partito fascista come previsto dalla Costituzione italiana».