A Brugherio la mostra “Assonanze, discordanze, forme e libertà di movimento al tempo del nuovo Rinascimento”

 Fino al 23 ottobre l’arte contemporanea a Palazzo Ghirlanda Silva

L’assessorato alle Politiche Culturali e Integrazione della Città di Brugherio, in collaborazione con l’Associazione Culturale AmAMi, Edizioni Migliore Mariani e con il patrocinio di Regione Lombardia e di MIC (Museo in Comune) ha organizzato la mostra collettiva “Assonanze, discordanze, forme e libertà di movimento al tempo del Nuovo Rinascimento”. Una grande collettiva di più di 40 artisti, dal 2 al 23 ottobre alla Sala Esposizioni di Palazzo Ghirlanda Silva, in un percorso tra pittura, disegno, collage, fotografia, scultura, performance, video e installazioni.

40 artisti celebrano l’arte contemporanea

La città di Brugherio riapre, dopo quasi due anni di chiusura forzata dovuta alla pandemia da Covid-19, le sale di Palazzo Ghirlanda Silva, sede della Biblioteca Civica comunale e luogo deputato alla diffusione della conoscenza dell’arte. 

«Finalmente l’arte lascia gli spazi innaturali della fruizione online e torna a esporre dove il pubblico l’aspetta da oltre un anno e mezzo, per rispondere al nostro bisogno di bellezza, al nostro desiderio di andare oltre i limiti imposti dalla realtà – ha dichiarato Laura Valli, assessore alle Politiche Culturali e Integrazione – Con questa grande collettiva, riparte anche l’arte nella nostra città, inaugurando la nuova stagione espositiva e contribuendo a fare di questo autunno 2021 una sorta di primavera, di nuovo inizio, di nuovo rinascimento, come richiama il titolo».

La curatrice della mostra Claudia Migliore e gli organizzatori, con l’intento di esprimere la variegata pluralità di sfaccettature di arte e di artisti, hanno scelto come simbolo visivo il dipinto “Il Giardino delle Delizie” di Hieronymus Bosch che, con la ricca gamma di personaggi, può al meglio rappresentare la grande varietà di contenuti proposti.

«Proprio quando arte e cultura erano costrette a un assordante silenzio e a un immobilismo che rischiava di spegnere entusiasmo e creatività, l’associazione Amami ha lanciato agli artisti una sfida: un concorso proposto sui social il cui premio sarebbe stata una mostra finalmente in presenza, finalmente e nuovamente a contatto con il pubblico – ha spiegato Laura Valli – Brugherio haaccettato la sfida e, subito dopo il Castello di Solza e prima di approdare a Milano, quaranta degli oltre cento artisti che hanno partecipato a questo lungimirante progetto, espongono le loro operein un percorso corale declinato in varie discipline artistiche e caratterizzato dal dialogo tra diverse sensibilità e diversi modi di interpretare l’arte. Assonanze ma anche discordanze e libertà espressiva sono gli ingredienti di questa mostra che inaugura una nuova stagione di rinascita dell’arte nel suo naturale e diretto rapporto con il pubblico».

La mostra resterà aperta fino al 23 ottobre, dal lunedì al venerdì dalle 15.00 alle 19.00 e il sabato dalle 15.00 alle 18.00. L’accesso è consentito solo ai possessori di Green Pass.

Augusta Brambilla