Cologno Monzese commemora la strage di Via D’Amelio

Il 18 luglio alle 11.30 presso il Cippo Falcone Borsellino

Ph: ARCI

L’Amministrazione comunale di Cologno Monzese, in collaborazione con l’associazione Liberacasa contro le mafie e con l’adesione di ANPI, Associazione Nazionale Partigiani d’Italia sezione di Cologno Monzese, ha organizzato una manifestazione pubblica “Per non dimenticare- 29° anniversario della strage di via D’Amelio”.  Il 18 luglio alle 11.30 presso il Cippo Falcone Borsellino verrà ricordata la strage di via D’Amelio a Palermo in cui persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e gli agenti della scorta Emanuela Loi, Agostino Catalano, Walter Eddie Cosina, Vincenzo Li Muli e Claudio Traina. 

Per non dimenticare

La strage di via D’Amelio è stato un attentato di stampo terroristico mafioso che avvenne domenica 19 luglio 1992 all’altezza del numero civico 21 di via Mariano D’Amelio a Palermo. Persero la vita il magistrato Paolo Borsellino e cinque agenti della scorta: Agostino Catalano, Emanuela Loi, la prima donna a far parte di una scorta e anche la prima donna della Polizia di Stato a cadere in servizio,  Vincenzo Li Muli, Walter Eddie Cosina e Claudio Traina. L’unico sopravvissuto alla strage è stato l’agente Antonino Vullo, che al momento dell’esplosione stava parcheggiando una delle auto della scorta.

Sul luogo dell’attentato e per volontà della madre del giudice Paolo Borsellino venne piantumata una piantina di olivo proveniente da Betlemme, simbolo di rigenerazione, di solidarietà, di impegno civile e di giustizia per tutti i popoli.

Augusta Brambilla