Brugherio, incendio alla Magniplast: nessun danno alla qualità dell’aria

ARPA: «Si può affermare che nelle ore di campionamento non è stata rilevata alcuna condizione indicativa di un impatto significativo sulla qualità dell’aria dell’incendio»

Foto pubblicata dal Sindaco di Brugherio Marco Troiano
Il 13 luglio un incendio alla Magniplast di Brugherio ha preoccupato la città, lasciando intravedere un possibile aumento di inquinamento dato dalla combustione di resina e vetroresina. Il Sindaco Troiano ha rassicurato la cittadinanza, pubblicando sui social i risultati delle analisi di ARPA (Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale).

Sono stati rilevati valori simili a quelli che si misurano quotidianamente in ambito urbano

Il Sindaco di Brugherio, Marco Troiano, ha spiegato le procedure svolte per l’analisi dell’impatto ambientale dell’incendio. Le analisi sono state svolte: la notte stessa, quando l’incendio era ancora attivo, sia nella sede della Magniplast che in zona San Damiano; dalle 3 della stessa notte fino alle 15 del 15 luglio nel cortile del Comune; il 14 luglio, il giorno successivo all’incendio, sempre sul posto.
«Le analisi confermano che “nei due giorni di campionamento la concentrazione totale di diossine e furani è risultata inferiore al valore indicativo di una situazione di inquinamento da diossine”-ha scritto sui social il Sindaco-. I valori rilevati, infatti, sono risultati praticamente simili a quelli che si misurano ogni giorno in un ambito urbano; ARPA quindi conclude la sua relazione scrivendo che “si può affermare che nelle ore di campionamento non è stata rilevata alcuna condizione indicativa di un impatto significativo sulla qualità dell’aria dell’incendio».