Segrate: presentata in consiglio comunale un’interrogazione sulla riqualifica del fontanile Testa del Bandito

I lavori sono ancora in corso

Immagine allegata all'interrogazione del Gruppo Consiliare di Segrate Lega Salvini

Durante il consiglio comunale del 3 giugno a Segrate il Consigliere della Lega Salvini Marco Carandina ha presentato un’interrogazione rispetto alla riattivazione del Fontanile Testa del Bandito

No Banner to display

Un’intervento per saperne di più rispetto ai lavori e alla loro gestione

L’interrogazione, ha spiegato Carandina, si è resa necessaria «a causa delle molte criticità riscontrate nell’area, dalla presenza di materiali pericolosi, di materiali di risulta e inerti al disboscamento indiscriminato». Nello specifico è stato chiesto: quali sono le imprese che stanno eseguendo i lavori; perché è stata abbattuta l’area boschiva tra la Cassanese e il pozzo costruito; se l’intervento è da considerarsi concluso; se esiste un piano di gestione dei materiali o se è prevista una bonifica; come sono stati gestiti i materiali ritrovati; quanto costa mantenere in funzione la pompa che alimenta il Fontanile, quanto costa il suo mantenimento e il canone di Regione Lombardia per l’uso delle acque; le cause, infine, che hanno portato a scegliere proprio quell’area (2328 mq), a fonte di un mancato reperimento di 8.525,50 mq di aree verdi.

I lavori sono ancora in corso d’opera

Il vicesindaco Francesco Di Chio ha risposto ad ogni punto dell’interrogazione, in particolare: le imprese coinvolte nel recupero del Fontanile sono la Cooperativa Sociale MultiserviziIdrobica Servizi srl. Al perché dell’abbattimento dell’area boschiva il vicesindaco ha risposto: le piante rimosse «sono state abbattute per il posizionamento dei nuovi alberi lungo le rive, secondo i sesti d’impianto della tradizione». Di Chio ha spiegato che l’intervento non è affatto concluso, ma «si stanno monitorando le problematiche via via emergenti e cercando le idonee soluzioni da trovare per il proseguimento dell’opera».