Lotta al Covid: aperto il centro vaccinale di prossimità di Vimodrone (VIDEO)


Anche l’assessore alla Salute e medico di famiglia Enzo Gregoli era tra i vaccinatori a Vimodrone. In città è stato infatti aperto ieri, giovedì 3 giugno, il centro vaccinale di prossimità. Nei locali dell’oratorio San Remigio, che ospiterà le persone da vaccinare dalle 8.00 alle 20.00, tutti i giorni tranne il venerdì, si è partiti con con una linea vaccinale e 185 inoculazioni, che diventeranno 380 già dal prossimo lunedì.

No Banner to display

«Finalmente oggi siamo riusciti ad aprire il nostro centro vaccinale, finanziato e voluto dalla comunità di Vimodrone, grazie al lavoro d’insieme dell’Amministrazione comunale – ha dichiarato il sindaco di Vimodrone Dario Veneroni Devo ringraziare in modo particolare anche la parrocchia e Don Maurizio, il quale ci ha concesso di utilizzare questi spazi».

Un centro di prossimità, territoriale, che vede protagonisti i medici di medicina generale come presidio per la salute dei cittadini. «Finora siamo stati abituati ai grandi Hub, ma a mio parere sono destinati a scomparire – ha aggiunto l’assessore alla Salute Enzo GregoliSono utili nella fase emergenziale, ma nella fase routinaria che andremo ad affrontare nella prossima stagione ci sarà da somministrare la terza dose di vaccino e dovranno essere i medici di famiglia a intervenire sui propri pazienti».

Per raggiungere il risultato hanno contribuito anche oltre 100 volontari che hanno messo a disposizione il loro tempo al servizio della comunità per contribuire a quella che a livello nazionale (ma non solo) è la più grande mobilitazione degli ultimi decenni.

«Vimodrone riesce a fare questo passo che compiamo grazie ai vimodronesi – ha dichiarato l’assessore con delega al Volontariato Marco Albertini Grazie alle persone di Vimodrone, ai cittadini che dal primo giorno di lockdown, dal momento più difficile, hanno dato all’Amministrazione subito la grande disponibilità per fare tutte quelle attività e tutti quei servizi che servono per supportare questa comunità».