“Forestami”: a Melzo sono iniziate le piantumazioni

Un’iniziativa al servizio della salute di tutti 

gorgonzola plastic free

A Melzo è stata avviata la messa a dimora dei primi 1.550 esemplari tra alberi e arbusti autoctoni e certificati che fanno parte del progetto di forestazione urbana “Forestami”. Promosso da Città metropolitana di Milano, Comune di Milano, Regione Lombardia, Parco Nord Milano, Parco Agricolo Sud Milano, ERSAF, Ente Regionale per i Servizi all’Agricoltura e Foreste, Fondazione di Comunità Milano e basato su una ricerca del Politecnico di Milano, si pone l’obiettivo di piantare 3 milioni di alberi, entro il 2030, nei Comuni della Città metropolitana di Milano per arricchire di spazi verdi i contesti urbani. 

Un nuovo modello urbano

Il progetto di forestazione urbana è stato avviato, tra la fine di maggio e l’inizio di giugno, con la nuova piantumazione di nuovi 4.836 esemplari, tra alberi e arbusti, su una superficie complessiva di quasi 20mila metri quadrati. 

Il Comune di Melzo ha aderito al protocollo d’intesa finalizzato all’incremento del capitale naturale nel territorio della Città Metropolitana di Milano attraverso la realizzazione del programma di “Forestami”.

«La piantumazione dei primi esemplari andrà a creare il bosco a margine del centro abitato a sud est della città, tra via Lussemburgo e via Curiel, per un totale di 12.300 mq circa, con la realizzazione di una barriera verde che aiuterà a rinfrescare l’aria, ridurre l’inquinamento e rendere l’ambiente urbano più vivibile – si legge sul sito del Comune – L’intervento è comprensivo di cinque anni di cure colturali nell’area oggetto di impianto e tutto l’intervento è a totale carico del Fondo Forestami».

L’iniziativa ha raccolto, da novembre 2020 a marzo 2021, oltre 630.000 euro, raccolti grazie al supporto di 73.385 privati cittadini e 45 aziende.

Un nuovo modello urbano, che integra la natura nell’ambiente costruito della città, rappresenta anche una nuova visione di  collaborazione con i cittadini, le associazioni, le istituzioni e le comunità.  

Augusta Brambilla