Gessate, al via le opere del primo lotto delle Tangenziali esterne

Un passo avanti per portare il traffico fuori dal paese

L’Amministrazione comunale di Gessate ha comunicato che Città Metropolitana ha provveduto all’acquisizione delle aree relative al primo lotto per la realizzazione della tangenziale variante nord SP216 Masate-Gessate-Pessano con Bornago.  Un passo avanti per portare il traffico fuori dal paese.

No Banner to display

Primo Lotto

Regione Lombardia ha escluso la Valutazione di impatto ambientale per le tangenziali variante nord SP216 Masate-Gessate-Pessano con Bornago e variante ovest SP176 Gessate-Bellusco. 

Per il primo lotto della variante nord verrà realizzato un collegamento stradale, con una nuova rotatoria, tra via Monza e il casello autostradale della TEEM.

«Città Metropolitana ha acquisito il 12 e il 13 maggio le aree di intervento per la realizzazione del primo lotto e dal 19 maggio ha provveduto a consegnare le aree all’appaltatore – ha dichiarato Sandro Reggiani assessore con deleghe alla Viabilità – L’obiettivo di questa progettualità è quello di avere una decentralizzazione del traffico veicolare e garantire maggiore sicurezza e vivibilità alla cittadinanza». 

Il costo dell’opera complessiva è di 12milioni di euro, dei quali 10 milioni stanziati da Regione Lombardia e 2 milioni da Città metropolitana. Il primo lotto ha un costo di 3 milioni di euro e il secondo lotto di 9 milioni di euro. 

«L’Amministrazione Comunale – si legge in una nota del Comune – è in costante contatto con Città Metropolitana per proporre un opportuno piano del traffico e che, le eventuali scelte di deviazione temporanea della circolazione per lo svolgimento in sicurezza dei lavori, verranno comunicate alla cittadinanza».

Augusta Brambilla