Vaccinazioni insegnanti: priorità solo per chi ha già prenotato

Questa settimana 4000 docenti riceveranno il vaccino. Chi non ha ancora aderito sarà chiamato in base all'età. Chi ha già ricevuto la prima dose può completare il ciclo vaccinale con lo stesso vaccino

Coronavirus Covid 19 Vaccination. Medical injection syringe and vial with vaccine

Gli insegnanti residenti in Lombardia che non hanno ancora aderito alla campagna vaccinale dovranno aspettare il loro turno in base all’età. La Regione ha adeguato il proprio piano vaccinale in base alle disposizioni contenute nell’ordinanza emessa il 9 aprile dal generale Francesco Paolo Figliolo, commissario nazionale per la gestione dell’emergenza covid.

No Banner to display

Si procede in ordine di età

L’ordinanza del commissario prevede un ordine ben preciso delle categorie da vaccinare: gli over 80, le persone con particolari fragilità e i rispettivi caregiver, la popolazione tra i 70 e 79 anni e quella tra i 60 e 69.

«A seguire, sono vaccinate le altre categorie considerate prioritarie dal piano vaccinale, parallelamente alle fasce anagrafiche secondo l’ordine indicato – si legge nell’ordinanza n° 6 del 9 aprile – Le persone che hanno già ricevuto una prima somministrazione potranno completare il ciclo vaccinale col medesimo vaccino».

Gli ultimi 4000 prenotati vaccinati entro una settimana

Questo nuovo indirizzo, dettato anche dalla raccomandazione di utilizzare il vaccino AstraZeneca per gli over 60, ha cambiato le coordinate anche del piano vaccinale della Lombardia.

«Affronto la questione degli insegnanti in ottemperanza con quanto disposto dal commissario straordinario generale Francesco Paolo Figliuolo, che ha chiesto la sospensione delle prenotazioni del personale scolastico under 60 – ha dichiarato il vicepresidente e assessore al Welfare di Regione Lombardia Letizia Moratti – Come Regione naturalmente abbiamo prontamente aderito. Abbiamo deciso tuttavia di esaurire entro la settimana la vaccinazione delle 4mila persone che si erano già prenotate e di mantenere la possibilità di registrazione attiva, così da poterli chiamare quando arriverà il loro turno, in base all’età».