Tentano la fuga dopo una truffa: coniugi vanno a sbattere contro una ringhiera

Hanno sottratto 30 euro ad un anziano con la "tecnica dello specchietto". Fermati dai Carabinieri della stazione di Carugate

Due giovani coniugi (18 e 19 anni) di Noto ma domiciliati a Segrate hanno truffato un automobilista e il padre con la “tecnica dello specchietto”. Fermati dai Carabinieri della stazione di Carugate a Vimodrone sono stati arrestati con l’accusa di furto aggravato.

No Banner to display

La truffa

Vittime della truffa un uomo di 54 anni e il padre 86enne. La coppia, con a bordo il figlio di 18 mesi, ha iniziato a lampeggiarli all’altezza di Cernusco sul Naviglio seguendoli fino alla loro abitazione. Lì marito e moglie hanno sostenuto di essere stati tamponati, chiedendo 100 euro per la riparazione di un presunto danno al paraurti.

La segnalazione al 112 e la fuga

Mentre l’anziano ha preferito consegnare i 30 euro che aveva, il 54enne ha avvertito il 112 raccontando l’avvenuto. Quando i Carabinieri della stazione di Carugate sono arrivati il ragazzo e la ragazza di Noto sono scappati. Fuga che si è interrotta a Vimodrone, in via Piave, contro la ringhiera esterna della pista ciclopedonale.

Dopo essersi accertati delle loro condizioni di salute i militari hanno tratto in arresto marito e moglie trovati con i soldi sottratti all’anziano, affidando il piccolo alle cure di un familiare. I Carabinieri della stazione di Carugate stanno ora svolgendo delle indagini per verificare il coinvolgimento dei fermati in truffe analoghe avvenute in Martesana nelle scorse settimane.