«Stop ai brevetti sui vaccini» la richiesta arriva al consiglio comunale di Cernusco

A fronte di 14 astensioni e 8 votazioni favorevoli, la mozione è stata approvata

Pagina principale del sito della petizione che punta al milione di firme

Sospendere temporaneamente i diritti di proprietà intellettuale sui vaccini, questa è la proposta che è stata presentata con una mozione in consiglio comunale da Sinistra X Cernusco. Sono diverse le mobilitazioni, non ultimo il flash mob davanti all’ex Filanda, che hanno l’obiettivo di promuovere una petizione europea al riguardo.

No Banner to display

Un problema comunitario che non è lontano da noi; «L’India aveva chiesto la sospensione del vaccino»

La Consigliera Rita Zecchini ha presentato la mozione che propone di sollecitare il Presidente della Repubblica e il Governo a «battersi nelle sedi internazionali perché la richiesta di sospendere i brevetti sui vaccini, respinta dall’Europa, venga finalmente accolta». La consigliera ha anche spiegato come l’India, la cui variante preoccupa tutto il mondo, risultava tra i paesi che avevano chiesto la sospensione dei diritti di proprietà intellettuale sul farmaco. 

La Consigliera Lorella Villa del Movimento 5 stelle ha ribadito come sia proprio il vaccino «l’arma indispensabile per porre fine al Covid-19» e non solo: «È un bene comune—ha aggiunto Villa nel suo intervento—e dobbiamo renderlo accessibile a tutti».

«Togliere i brevetti ai vaccini non è la soluzione»

La Consigliera del PD Giorgia Carenzi ha trovato fuori luogo questa proposta all’interno del consiglio comunale di Cernusco, dichiarando le sue perplessità sul tema. «Togliere i brevetti ai vaccini non è la soluzione—ha spiegato Carenzi—. Esistono studi detti ‘real world’, quelli effettuati a seguito della messa in commercio. Questi studi permettono di aggiustare il tiro. Togliere il profitto alle aziende che producono vaccini significa fermare questi studi e diventa più rischioso per i pazienti assumere farmaci di cui non si hanno abbastanza dati».

A fronte di 14 astensioni, tra cui il Consigliere del PD Daniele Pozzi, che avrebbe preferito un evento dedicato al tema rispetto a una mozione in consiglio comunale, e di 8 voti favorevoli, la mozione è stata approvata.