Socializzazione, Inclusione e Territorio: nasce S.I.T, nuovo servizio della cooperativa Il Germoglio

La cooperativa spiega perché nasce il servizio: «Voglia di sperimentare, creare e ridefinire sono le caratteristiche di questa nuova realtà»

La cooperativa cassinese Il Germoglio ha avviato un nuovo servizio sperimentale, S.I.T, acronimo di Socializzazione, Inclusione e Territorio, portando così avanti sua missione di promozione delle differenze tramite risposte nuove ed efficaci.

No Banner to display

L’idea è che muove il servizio è stata articolata in un comunicato stampa: si vuole infatti «lavorare sul progetto di vita delle persone disabili prese in carico, attraverso l’istituzione di una Rete di soggetti e all’interno di essa definire o ridefinire chi possiede la titolarità del Progetto di Vita, al fine di creare collaborazioni ed attivare nuovi percorsi ed opportunità rivolti alla persona fruitrice».

In cosa consiste il servizio sperimentale S.I.T.

Il nuovo servizio introdotto dalla cooperativa, che si aggiunge al CSE (Centro Socio-Educativo) e al SFA  (Servizio di Formazione dell’Autonomia), è il risultato in una co-progettazione tra equipe educativa, alcuni Assistenti Assistenti Sociali dell’Ufficio di Piano del Distretto 4 e di altri Comuni e la Responsabile dell’Area Servizi alla Persona del Comune di Cassina de Pecchi Annalisa Schiavello. Il S.I.T. è un servizio dedicato a persone di età compresa tra i 25 e i 55 anni, con disabilità medio-lieve che si trovano soli e vogliono scoprire proposte interessanti, o ancora persone che terminano percorsi nei SFA ma che sono ancora in grado e vogliono apportare benefici e servizi per il proprio territorio, o che vogliano essere inseriti, tramite un percorso di accompagnamento, in altri servizi.

La sede di questa nuova realtà è la Ludoteca “Giocapecchi” in via Radioamatori a Cassina de’ Pecchi.