Gorgonzola, premiati dalla Biblioteca Civica i tipi ″incipitanti″

Al Concorso “Giocati la Biblioteca” hanno partecipato 108 studenti delle scuole secondarie

liberi di scrivere 2019

La Biblioteca Civica di Gorgonzola “F.Galato” ha premiato i ragazzi e le ragazze che hanno partecipato alla settima edizione dell’iniziativa “Giocati la Biblioteca- Concorso per tipi incipianti”. Una gara linguistica proposta da 14 biblioteche del Sistema Bibliotecario Milano Est e riservata agli alunni delle Scuole Secondarie di Primo Grado di Gorgonzola. L’intento era quello di portare alla luce la scoperta giocosa e consapevole del potere della narrazione.

No Banner to display

Dare vita a nuove storie

Il Concorso ha lanciato la proposta, dopo la partecipazione a un laboratorio di scrittura creativa, di comporre un breve racconto a partire dall’incipit di un romanzo. L’obiettivo è stato quello di dare vita a nuove storie, partendo dal testo scritto da altri.

«L’edizione 2020 è stata diversa, a distanza – ha spiegato Monica Catellani, responsabile della Biblioteca Civica – Siamo riusciti comunque a realizzare i dieci laboratori previsti e 108 ragazzi hanno partecipato, partendo dall’incipit di un romanzo, tra quelli proposti».

La partecipazione richiedeva la stesura di un elaborato che doveva rappresentare le capacità narrative e creative attraverso l’articolazione di un racconto  condensato in poche righe.

«Diversi ‘inizi’ – ha sottolineato Paola Buonacasa, docente e esperta di giochi linguistici – ci hanno accompagnato in questo percorso offrendoci spunti concreti per portare alla luce, in modo creativo e consapevole, quelle trame che già abitano dentro ognuno di noi dando vita a nuove storie».

I vincitori, tra i quali anche una menzione speciale, sono stati Arianna, Beatrice, Elena, Giada, Jacopo, Letizia, Luca, Simone e Sofia.

Un’edizione speciale nel 2021 dedicata alla poesia

Il Sistema Interbibliotecario sta organizzando, per il 2021, un’edizione speciale del Concorso intitolato “Io poeta-Laboratorio di poesia”.

Il percorso, proposto da Paola Buonacasa, offre l’opportunità di sperimentare come sia possibile narrarsi in modo poetico, con la possibilità di potenziare le capacità espressive sia sul piano formale che nei contenuti. L’obiettivo è quello di dare la possibilità ai ragazzi e alle ragazze di avvicinarsi al linguaggio poetico da protagonisti, attraverso l’Io acrostico, l’Io haikustico e l’Io metaforico.

Augusta Brambilla