Cologno, tutti gli over 80 non autosufficienti hanno ricevuto la prima dose di vaccino

Il sindaco Rocchi e l'assessore Dattilo hanno sottolineato il fondamentale contributo delle associazioni colognesi

Lot of COVID-19 vaccine glass vials, 3d rendering illustration.
Lot of COVID-19 vaccine glass vials, 3d rendering illustration.

Tutti i colognesi over 80 non autosufficienti hanno ricevuto la prima dose di vaccino. Sabato 17 aprile le ultime 65 persone segnalate dalla Asst nord Milano sono state chiamate nella sede Avis di via Turati, messa momentaneamente a disposizione per le vaccinazioni. Le somministrazioni proseguiranno dal prossimo 8 maggio, con l’inoculazione della seconda dose.

No Banner to display

L’assessore ai Servizi sociali e vicesindaco Daniela Dattilo ha ringraziato tutte le persone e associazioni coinvolte, che hanno collaborato attivamente per la riuscita delle vaccinazioni. «Invece di perderci in sterili polemiche – ha dichiarato -, ci siamo piuttosto preoccupati a contattare tutti i cittadini che ASST ci aveva segnalato e, grazie alla collaborazione di tutti, perché da solo il Comune non ce l’avrebbe fatta, siamo riusciti a fare rete e ad assistere anche quelle persone che, per un motivo o per un altro, erano rimaste senza riferimenti ma comunque bisognose di un aiuto».

Rocchi ha sottolineato il ruolo delle associazioni

L’importante ruolo giocato dalla rete associativa colognese è stato sottolineato anche dal sindaco Angelo Rocchi.

«In queste settimane molto difficili – ha dichiarato – è stato possibile vedere come l’importantissimo tessuto associativo locale, enorme patrimonio colognese che mai mi stancherò di ringraziare, sia riuscito anche questa volta a dare il proprio decisivo contributo per consentirci di poter sopperire alle difficoltà che c’erano e che, purtroppo, permangono ancora. Anch’io, insieme al mio vicesindaco desidero ringraziare la Dr.ssa Mangiacavalli di ASST per il fondamentale supporto che sta garantendo quotidianamente a tutti i Comuni in questa difficilissima battaglia».