Segrate, torna in funzione il fontanile Testa del Bandito

L'assessore al Territorio Francesco Di Chio: «Area che prima era abbandonata e che oggi restituiamo a Segrate e ai segnatesi

Il fontanile Testa del Bandito di Segrate è stato riqualificato ed ora è pronto per essere consegnato alla cittadinanza. Si tratta di uno dei più antichi fontanili della città che, grazie alla collaborazione tra Comune e Città metropolitana, è stato oggetto di un intervento ad ampio spettro.

Gli interventi

Oltre alla pulizia del fontanile dai rifiuti e dalle piante morte, sono stati piantati nuovi alberi e cespugli, gli argini sono stati sistemati. Ma trattandosi di un fontanile, il cuore degli interventi ha interessato la riattivazione delle rogge secondarie e la creazione di un laghetto.

«Area che prima era abbandonata e che oggi restituiamo a segrate e ai segnatesi – ha detto il vicesindaco e assessore al Territorio Francesco Di Chio – Speriamo che presto possa diventare un’area vivibile per tutti».

«La riattivazione dopo decenni del Fontanile Testa del Bandito è una bella notizia per noi segratesi ma anche per tutti gli animali che vivono il Centroparco – ha scritto il sindaco Paolo Micheli – Il collaudo dell’antico canale che attraversa da nord a sud il nostro polmone verde, è stato un successo e da ieri (mercoledì 10 marzo, ndr) è tornata a sgorgare e scorrere l’acqua».