Covid: nessun lockdown a Vimodrone

Nessuna zona rossa per il Comune. Il sindaco: «Alimentare notizie false e spesso tendenziose non porta alcun valore alla nostra comunità»

Nonostante l’aumento dei casi degli ultimi giorni da oggi, lunedì 1° marzo Vimodrone è in zona arancione come il resto della Lombardia. Smentita dunque qualsiasi ipotesi su un lockdown locale dal sindaco Dario Veneroni, che ha lanciato un appello ai cittadini.

Chiuso il plesso Battisti-Matteotti 

Attività didattiche sospese però dal 27 febbraio nel plesso scolastico Battisti-Matteotti, che fa parte dell’Istituto Comprensivo di Vimodrone. Il provvedimento dell’ATS è dovuto alla positività di 20 alunni (su 220 iscritti). Lo stesso giorno l’Amministrazione ha sanificato completamente la struttura.

«Mi preme sottolineare – ha dichiarato il Sindaco Dario Veneroni- che il Comune di Vimodrone è stato uno tra i pochi comuni di Regione Lombardia a istituire a proprie spese l’introduzione di tamponi rapidi su tutte le classi dell’Istituto Comprensivo. Attualmente sono stati somministrati oltre 400 tamponi agli studenti e al personale impiegato nella scuola. Tale misura, oltre a garantire il rientro in totale sicurezza degli alunni negativi al tampone dopo la quarantena, implica uno screening approfondito della condizione di salute della popolazione scolastica e si pone come importante strumento di prevenzione dei contagi anche a livello famigliare». Il Sindaco, l’Assessore all’Istruzione Marco Albertini e gli uffici competenti restano in contatto con medici di famiglia, Direzione Scolastica e ATS.

Vimodrone in zona arancione

Il Comune di Vimodrone ha visto un aumento dei casi positivi al Covid-19. Il numero ha superato la soglia (250 positivi su 100 mila abitanti) del rapporto positivi/abitanti stabilita dall’ATS, proprio com’è successo a Gessate, che è uno dei parametri attraverso cui viene valutata l’ipotesi di zona rossa.

L’appello del sindaco a informarsi attraverso i canali ufficiali 

Sabato 27 febbraio il Sindaco ha contattato Walter Bergamaschi, Direttore Generale dell’ATS, che ha smentito l’idea che stava circolando di introdurre Vimodrone tra le zone rosse della regione. Il Sindaco ha anche invitato la cittadinanza ad informarsi solo attraverso i canali ufficiali. «Alimentare notizie false e spesso tendenziose – ha detto – non porta alcun valore alla nostra comunità e anzi contribuiscono a creare un clima di paura ed incertezza che in questo particolare momento non fanno bene a nessuno».

In Martesana 6 Comuni in fascia arancione rafforzata

In serata il governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana ha firmato un’ordinanza che inserisce 49 comuni lombardi, oltre alle province di Brescia e Como, in fascia arancione scuro da mercoledì 3 marzo, fino al 10 dello stesso mese. Tra questi anche sei della Martesana: Rodano, Trucazzano, Pozzuolo Martesana, Vignate, Liscate e Melzo.

Nei territori inseriti in questa fascia tutte le scuole, ad eccezione degli asili nido, resteranno chiuse.

Giada Felline