Cologno supera i 200 morti per Covid: bandiere a mezz’asta

Un gesto per ricordare anche le oltre 100.000 persone decedute in Italia dall'inizio della pandemia. Il sindaco Rocchi: «Simbolo che vuole essere anche un richiamo alla responsabilità»

Un gesto simbolico dal forte valore evocativo. Nella giornata di oggi, venerdì 12 marzo, le bandiere di tutti gli edifici pubblici di Cologno Monzese saranno esposte a mezz’asta in ricordo delle vittime del Covid-19, che in città dall’inizio della pandemia sono state oltre 200, mentre in tutto il Paese sono oltre 100.000 le persone che hanno perso la vita.

Il sindaco: «Raccoglimento e vicinanza»

La proposta è arrivata dal Consiglio comunale e il primo cittadino ha deciso di accogliere l’invito, come gesto di vicinanza alle famiglie delle persone che non ci sono più.

«Il recente, tragico, superamento delle 200 vittime in Città e dei 100000 decessi in tutta Italia a causa del Covid-19 – ha dichiarato il sindaco Angelo Rocchi – ci impone raccoglimento e vicinanza ed è per questo che ho accolto l’invito del Consiglio Comunale di esporre le bandiere a mezz’asta sugli edifici pubblici della nostra Città, a partire da Villa Casati, casa di tutti i cittadini colognesi».

Richiamo alla responsabilità

Certo un gesto di cordoglio, ma che vuole essere anche un monito, un richiamo alla responsabilità dei cittadini per una fase delicata, dove il virus continua a colpire e a mietere vittime.

«Un gesto di cordoglio che vuole trasmettere a tutte le famiglie che hanno subito un lutto a causa di questa emergenza sanitaria, l’affetto della nostra Comunità – ha proseguito Rocchi – Un simbolo che, però, vuole essere anche un richiamo alla responsabilità di tutti e un monito all’osservanza delle regole in segno di rispetto per tutti quei cittadini che sono scomparsi».