Pioltello, cantieri aperti per collegare la città

Lavori in via Mantegna e D'Annunzio per rendere più facilmente percorribile l'asse nord-sud

Mancano pochi giorno e saranno aperti i cantieri in via Mantegna e D’Annunzio che permetteranno di completare il collegamento di Pioltello da nord a sud, dalla Padana Superiore fino al parco della Besozza. Verranno costruite circa 6 mila mq di piste ciclabili, 16.800 mq di superficie stradale, cinque nuove rotonde e dei Led sostituiranno gli attuali pali della luce. A tutti gli effetti un nuovo “restyling” che vede interessato il Comune di Pioltello, non senza necessarie modifiche alla viabilità. Verrà infatti eliminata la rotonda del cipresso di via Tripoli, tolti anche i semafori di via Perugino e via Brasile e via Raffaello diventerà senso unico. Per garantire la sicurezza, verranno creati dei varchi di video sorveglianza, dotati di un sistema di riconoscimento delle targhe.

No Banner to display

Cosciotti: «Il progetto abbellisce la città con due viali profondamente rinnovati»

«Questo progetto rappresenta e sintetizza la visione di città portata avanti da questa Amministrazione comunale – ha dichiarato la sindaca Ivonne Cosciotti – queste due importanti direttrici congiungono Pioltello dal Parco della Besozza alla metropolitana e grazie agli interventi previsti saranno più fruibili, più sicure e adatte ai pedoni, ai ciclisti e alle persone con disabilità. Siamo molto soddisfatti dell’avvio di questa opera pubblica che non soltanto è utile e importate per la viabilità con particolare attenzione alla mobilità sostenibile, ma abbellisce la città con due viali profondamente rinnovati e dotati di
nuova illuminazione e alberature».

L’assessore Garofano: «Un’opera complessa»


«Avremo due vie nuove, ripensate e progettate completamente per dare a tutti il giusto spazio e per unire la città: si completa così un corridoio ciclopedonale Nord-Sud che attraversa Pioltello dal Bosco della Besozza fino alla Padana Superiore, per permettere a tutti di spostarsi in sicurezza per la città – ha spiegato Simone Garofano, assessore ai Lavori Pubblici – Si tratta di un’opera complessa, che parte a conclusione di una lunga pratica burocratica che ci ha visto interlocutori con tutti gli enti interessati: dai trasporti al gas, dalle fognature agli impianti di pubblica illuminazione, dall’acqua a tutti gli altri sotto-servizi per evitare che una volta completati i lavori le strade possano subire altre manomissioni dovute a nuovi interventi. L’avvio dei cantieri causerà inevitabili disagi alla circolazione del traffico per cui ci scusiamo anticipatamente con i cittadini: per questo è stato organizzato un piano di interventi che prevede la suddivisione delle opere in più lotti».

Giada Felline