Sgombero neve in Martesana: la versione di Malacrida A.V.C.

L’azienda ha risposto alle lamentele mosse dalle amministrazioni comunali

Fonte: Malacrida AVC Srl

Nel corso dell’ultima settimana, abbiamo realizzato tre approfondimenti sui disagi che la nevicata del 28 dicembre scorso ha creato in alcuni Comuni della Martesana, in particolare: Cernusco sul Naviglio, Segrate e Cologno Monzese. In tutti e tre i Comuni la ditta appaltatrice del servizio di sgombero neve è Malacrida AVC Srl, che ora, attraverso un comunicato stampa, ha voluto esporre la propria versione dei fatti.

«Già nella notte tra il 27 e il 28 dicembre – si legge in una nota diffusa da Malacrida -, il servizio è stato prontamente e preventivamente avviato, in alcuni ambiti autonomamente ed in altri in condivisione con i tecnici degli enti, provvedendo preliminarmente alla salatura delle strade prima dell’inizio delle precipitazioni nevose (con fondenti salini approvvigionati e pagati anticipatamente dalla scrivente Impresa per l’espletamento dei servizi); e successivamente si è provveduto alle operazioni di sgombero neve e continua salatura, con idonei mezzi e macchinari sulle strade che si sono protratte ininterrottamente sino alla sera del 31 dicembre».

L’azienda ha poi specificato che la «particolare intensità del fenomeno atmosferico» e il «traffico presente sin dalle prime ore del mattino» hanno contribuito in modo determinante alla creazione di disagi nei comuni interessati dagli appalti, così come comunicato tempestivamente agli uffici tecnici comunali la mattina di lunedì 28 dicembre.

«Con l’occasione – ha aggiunto Malacrida – l’Impresa richiedeva l’ausilio della polizia locale per ridurre al minimo le criticità viabilistiche oltre a scortare la stessa durante lo svolgimento del servizio. Inoltre invitava le varie Amministrazioni a “sensibilizzare” i cittadini al contenimento della circolazione stradale garantendo così quello emergenziale ed indifferibile mediante diffusione messaggistica (tramite mass media o altri strumenti di divulgazione) affinché i mezzi operativi dell’impresa fossero in grado di svolgere a pieno il servizio.

In merito alle inadempienze dei contratti, Malacrida precisa che «gli aspetti contrattuali verranno verificati con l’Ufficio Tecnico di ciascun Comune, al fine di accertare se vi sono stati inadempimenti contrattuali e soprattutto se tali inadempimenti sono direttamente e unicamente imputabili all’Impresa, ovvero se non si sono verificate tutte le condizioni necessarie per lo svolgimento del servizio a regola d’arte, tenuto conto della eccezionalità dell’evento atmosferico dei giorni scorsi che ha generato una situazione imprevedibile sotto diversi punti di vista. Qualora da tali accertamenti dovessero emergere profili di responsabilità ascrivibili alla Malacrida A.V.C. quest’ultima si farà senz’altro carico delle conseguenze contrattualmente previste».

Infine, in merito ai procedimenti penali cui hanno fatto riferimento altre testate, la società «fa presente che la Malacrida AVC srl non è imputata di alcunché e che il soggetto coinvolto non è mai stato organico nella medesima società, né ha mai svolto qualsivoglia attività nel suo interesse. Ci consta, da quanto si è letto sui giornali, che per tale procedimento non si sia ancora svolta l’udienza preliminare; è pertanto assolutamente prematuro e scorretto parlare di relative accertate responsabilità penali. Ciò detto, siamo profondamente rammaricati per quanto riportato negli articoli di stampa e in alcuni contenuti condivisi sui social che descrivono una realtà aziendale diversa da quella reale. Verranno tuttavia valutati eventuali aspetti diffamatori dei testi pubblicati».