Vaccini anti-Covid: “Chiamata alle armi” per 3.000 medici e 12.000 infermieri e assistenti sanitari 

Parte la ricerca di personale medico per la somministrazione del vaccino anti-Covid

Coronavirus Covid 19 Vaccination. Medical injection syringe and vial with vaccine

«Se fossimo in guerra sarebbe una sorta di “chiamata alle armi”» – è il commento del Commissario Straordinario per l’emergenza Covid, Domenico Arcuri, che l’11 dicembre ha emanato l’avviso pubblico per assumere con un contratto a tempo determinato fino a 3.000 medici e 12.000 infermieri e assistenti sanitari. Il compito delle nuove reclute sarà quello di provvedere alla somministrazione del vaccino anti-Covid nelle strutture distribuite in tutta Italia. «Per dirla meglio – ha continuato Arcuri – è un richiamo accorato alla responsabilità e alla solidarietà da parte di quei cittadini italiani che possono aiutarci ad effettuare la più grande campagna di vaccinazione di massa degli ultimi decenni con efficacia e tempestività».

Come inviare la propria candidatura

La manifestazione di interesse si rivolge a laureati in medicina e chirurgia abilitati all’esercizio della professione medica e iscritti agli albi professionali nonché ai medici pensionati e a infermieri e assistenti sanitari iscritti ai rispettivi albi professionali. L’avviso è rivolto a cittadini italiani, UE ed extra UE. Le domande potranno essere inoltrate per via telematica a partire da mercoledì 16 dicembre, attraverso il sito del Governo. In caso di selezione, si verrà iscritti a un elenco aperto di personale medico-sanitario, da cui potranno essere attinte le risorse da destinare a supporto delle Aziende e/o Enti del Servizio Sanitario Nazionale deputate alla somministrazione dei vaccini anti SARS-COV-2. I contratti avranno una durata massima di nove mesi, rinnovabili in caso di necessità. Qui l’avviso pubblico.

L’accordo con le agenzie per il lavoro

Contestualmente al reclutamento di personale medico, è partita anche la gara per selezionare fino a cinque agenzie per il lavoro con le quali il Commissario Straordinario stipulerà un accordo quadro per la selezione, assunzione e la gestione amministrativa del personale sanitario che sarà impiegato nella somministrazione dei vaccini. La scadenza della gara è fissata per il 28 dicembre 2020 alle ore 18.00. Le offerte possono essere presentate unicamente online attraverso il portale https://ingate.invitalia.it. Qui l’avviso.