Farmacie comunali: cambio al vertice di Segrate Servizi

Giacomo D'Amato, ingegnere di Milano 2, subentra a Eduardo Leto Di Priolo. Micheli:«avrà tutto il supporto necessario»

SAMSUNG CSC

E’ Giacomo D’Amato il nuovo amministratore unico di Segrate Servizi, società partecipata al 100% dal comune di Segrate che si occupa della gestione delle 4 farmacie comunali, oltre che di diverse attività inerenti ai servizi sociali.

D’amato, ingegnere di 56 anni, residente a Milano 2 e top manager per diverse importanti multinazionali, subentra a al dott. Eduardo Leto Di Priolo, che ha ricoperto la carica di amministratore unico della società fino al 15 settembre 2020.

«Esprimo un sentito ringraziamento all’amministratore uscente per gli importanti risultati raggiunti dalla società nel corso del suo mandato e per il supplemento di tempo che ha dedicato a seguito del rinvio della scadenza dell’incarico – ha dichiarato il sindaco Paolo Micheli – All’ing. D’Amato vanno i migliori auguri di buon lavoro, con l’assicurazione che avrà tutto il supporto necessario da parte dello staff tecnico della società, degli uffici comunali e dell’Amministrazione».

Segrate Servizi e l’emergenza Covid

Durante questa fase di emergenza sanitaria, la società partecipata supporta la popolazione con diverse misure. La più importante è l’attivazione del servizio “pronto farmaco”, svolto in collaborazione con la Croce Rossa, che prevede la consegna a domicilio dei farmaci ai cittadini over 65, non autosufficienti, in quarantena o risultati positivi al Covid-19 (per info 02.3045606098 ). In alcuni casi, inoltre, le farmacie comunali intervengono direttamente per la consegna dei farmaci necessari ai malati cronici.

«Il mandato della Segrate Servizi, soprattutto in questo particolare momento di emergenza sanitaria – ha sottolineato Micheli -, è quello di assicurare a tutta la cittadinanza il massimo sostegno, erogando servizi innovativi e di qualità. Nel nostro programma, inoltre, c’è la realizzazione di nuova farmacia comunale a Milano 2 in locali più idonei e accoglienti. Un obiettivo che vogliamo raggiungere nel corso dei prossimi anni – ha concluso – per garantire maggiore efficienza e fruibilità a questo importante punto di riferimento sanitario sul territorio».