Cernusco, cambia la modalità di distribuzione del sacco rosa

Una misura presa per andare incontro alle necessità dei cittadini e proteggere la loro salute

L’emergenza sanitaria sta creando difficoltà nell’erogazione della dotazione annuale dell’ecuosacco a Cernusco sul Naviglio. Alla classica distribuzione, che solitamente partiva a novembre e in poco più di 6 settimane rispondeva alle esigenze di 8.000 utenti, è stata sostituita una distribuzione mirata, solo per coloro che ne hanno realmente bisogno.

L’assessore all’Ecologia «Non c’è fretta, risponderemo a tutti»

«Non è stato facile, e non è facile gestire questa modalità ma abbiamo pensato fosse giusto non sospendere totalmente la distribuzione rimandandola a fine pandemia, non potendo immaginare quando si concretizzasse questa condizione – ha spiegato il vice sindaco e assessore all’Ecologia Daniele Restelli -. In questi giorni ci sono stati certamente alcuni problemi di sovraccarico di linee e di gestione degli appuntamenti on line, introdotti per la prima volta, ma al momento ci sono già oltre 600 le prenotazioni effettuate. Il nostro appello è quello di non chiamare o prenotare se non se ne ha reale bisogno: se si hanno in casa ancora sacchi rossi non è necessario accedere ora al servizio».

Dopo i primi giorni di servizio online, dunque, il calendario degli appuntamenti è stato sospeso e la fornitura di ecuosacchi verrà distribuita solo a chi ne ha reale necessità da qui fino a gennaio, garantendo in questo modo una turnazione più agevole perché non vengano a crearsi assembramenti.