Gorgonzola, sostegno alle attività a rischio

Stanziato un fondo di 100 mila euro per la nuova fase di emergenza Covid-19

L’Amministrazione comunale di Gorgonzola ha comunicato, nella seduta del Consiglio comunale del 28 ottobre, di aver stanziato 100.000 euro a disposizione delle attività gorgonzolesi. La misura è un’azione concreta di sostegno e vicinanza a chi vive una situazione di sofferenza e incertezza dovuta alle nuove chiusure stabilite dalle misure di contrasto al covid-19.

Vicini al territorio

«Penso al settore della ristorazione, dello sport, degli eventi e dello spettacolo, al mondo della cultura, ai centri sportivi che si sono visti costretti a ridurre o interrompere completamente le proprie attività lavorative – ha dichiarato Angelo Stucchi, sindaco di Gorgonzola – Per queste categorie penalizzate il Governo ha già attivato dei contributi ma anche la nostra città è chiamata a fare la sua parte».

Il fondo è stato istituito con la consapevolezza di non poter gestire contemporaneamente la paura che ha caratterizzato la prima ondata dell’emergenza e la rabbia della popolazione di fronte alle nuove misure restrittive di salute pubblica per contenere i contagi.

«Questo stanziamento è una risposta per dire al territorio che non si è soli nella tutela della propria salute e non si è soli di fronte al rischio economico – ha proseguito Angelo Stucchi -Negli scorsi mesi abbiamo ridotto la TARI, dato la possibilità di utilizzo degli spazi esterni del suolo pubblico alle attività commerciali fino a fine ottobre. Ora tutta la città, non una giunta o una maggioranza, ma l’intero Consiglio comunale corresponsabile per Gorgonzola, si mette a disposizione perché le grida d’aiuto delle attività del territorio trovino risposta con strumenti proporzionati alle nostre capacità cittadine».

Lunedì 2 novembre 2020 è stata convocata la riunione dei Capigruppo e di Giunta per stabilire le modalità e le categorie a cui elargire le risorse economiche che l’Amministrazione comunale ha messo subito a disposizione per i tanti settori a rischio.

Augusta Brambilla