Sospese le visite nella RSA Belvedere di Cassano d’Adda

Nella struttura un ospite debolmente positivo. Il sindaco Maviglia «L’accesso alla struttura dei parenti può rappresentare un rischio reale di contagio»

Disabled old woman

Con l’aumento dei contagi gli occhi sono puntati sulle categorie più a rischio, su quelle persone che hanno più probabilità di aggravarsi in caso di contagio da covid-19. Tra loro sicuramente ci sono gli anziani delle RSA. Alla Belvedere di Cassano d’Adda, dove un ospite è risultato debolmente positivo al covid, la direzione sanitaria in accordo con l’Amministrazione comunale ha deciso di interrompere le visite.

«Non si tratta di un ritorno al passato, tuttavia la presenza di un ospite risultato debolmente positivo e momentaneamente posto in isolamento, consiglia la massima prudenza – ha dichiarato il Sindaco Roberto Maviglia – La scelta della direzione sanitaria di impedire le visite creerà sicuramente disagi ai parenti degli ospiti: si tratta però di un provvedimento finalizzato alla tutela della salute di tutti. Il virus in queste settimane ha ricominciato a circolare – ha aggiunto il primo cittadino – e l’accesso alla struttura dei parenti può rappresentare un rischio reale di contagio.  La situazione sarà monitorata costantemente e si spera quanto prima di poter tornare al piano di riaperture riattivato da agosto».