Segrate, conferme e novità: Micheli presenta la giunta del secondo mandato

I volti nuovi della squadra appena formata: Francesco Di Chio del PD, Livia Achilli e Guido Bellatorre di Segrate è nostra

A Segrate si è formata la nuova giunta. La presentazione è avvenuta il 5 ottobre nella sala consiliare «Questa rielezione è stata emozionante esattamente come cinque anni fa. Forse di più – ha commentato il Sindaco Paolo Micheli -. Ho una grande voglia di fare bene e un enorme senso di responsabilità. La fiducia dei miei concittadini deve essere restituita con il lavoro e l’impegno e ci motiva a fare ancora di più per la nostra città. Ce la metteremo tutta». Tra nuove entrare e vecchie conoscenze ecco chi fa parte della squadra scelta da Micheli.

La nuova giunta

Quella scelta dal Sindaco appena rieletto è «una squadra nel segno della continuità e dell’esperienza – ha spiegato Micheli – con l’introduzione di alcune novità che la avvicinano alle persone e guardano al futuro». Della lista di Micheli Segrate Nostra, guadagnano la nomina 3 assessori, mentre sono 4 quelli del PD.

Tra le conferme troviamo il nome di Luca Stanca, con delega al Bilancio e ai Tributi, e Damiano Dalerba, con delega ai Lavori Pubblici a cui si affianca quella all’Ambiente ed Ecologia. Riconfermate anche Barbara Bianco, Associazioni, Sport e Cultura, e Antonella Caretti, con Commercio, Attività Produttive e Trasporti.

Luca Stanca (PD) – Assessore con deleghe Bilancio e Tributi, Demanio e Patrimonio, Controllo partecipate
Damiano Dalerba (PD) – Assessore con deleghe Lavori Pubblici, Arredo urbano, Ecologia e Ambiente, Tutela degli animali
Barbara Bianco (PD) – Assessore con deleghe a Sport, Tempo libero e Benessere Associazionismo e Volontariato
Pari Opportunità, Famiglia e Unioni
Cultura ed Eventi
Antonella Caretti (Segrate è nostra) – Assessore con deleghe a Commercio, Sviluppo economico, Attività produttive, Agricoltura, Politiche attive del lavoro, Trasporti, Risorse umane

 

 

 

 

 

 

 

I volti nuovi sono quelli di Francesco Di Chio, vicesindaco con deleghe al Territorio, Mobilità e Ciclabilità, Livia Achilli, Polizia Locale e Protezione Civile e Guido Bellatorre con le Politiche Sociali, Abitative e la Scuola.

 

Francesco Di Chio (PD) – Vicesindaco con deleghe a Territorio e Progettazione PGT, Edilizia Privata, Viabilità, mobilità e Ciclabilità
Livia Achilli (Segrate è nostra) – Assessore con deleghe a Polizia Locale, Protezione civile, Avvocatura, Attuazione del programma, Servizi demografici e cimiteriali
Guido Bellatorre (Segrate è nostra) – Assessore con deleghe a Politiche sociali, Terza età e Politiche abitative Scuola e Ricerca, Politiche giovanili

 

 

 

 

 

 

Un team che rende il Sindaco «molto orgoglioso e fiducioso. Abbiamo unito l’esperienza al rinnovamento della classe politica che abbiamo fortemente voluto per garantire un futuro alla nostra città. Questa è una giunta di persone vicine ai segratesi, in contatto con tutte le realtà cittadine e con i quartieri di cui conoscono esigenze e necessità. Un valore aggiunto in questo particolare momento storico».

Una giunta temporanea

Tuttavia il Sindaco ha annunciato durante la conferenza stampa che questa potrebbe essere una giunta di passaggio «Non penso che questa sarà la giunta con cui finirò il mandato – ha dichiarato il Sindaco – è al momento la squadra migliore per amministrare la città, ma noi tutti abbiamo fatto un importante investimento sul ricambio generazionale che sarà il futuro della nostra città e verosimilmente la classe dirigente del domani».

Subito al lavoro

La richiesta per gli assessori è quella di «immediata disponibilità – ha spiegato Micheli -. Dobbiamo ripartire velocemente e con il piede giusto. Tanti i temi su cui focalizzare subito l’attenzione: la scuola, il mondo del commercio e delle aziende, la mobilità con la delega specifica alla ciclabilità, l’attenzione alle famiglie e alle persone più in difficoltà. Abbiamo un programma elettorale pieno di cose belle e importanti da realizzare insieme al mondo cittadino delle associazioni, del volontariato, delle imprese e insieme a tutti coloro che attivamente vorranno dare il proprio contributo».