Aumento dei contagi: stato di emergenza prorogato e obbligo di mascherina all’aperto

L'aumento dei contagi ha spinto il Governo ad adottare misure più restrittive. Mascherina obbligatoria sempre, salvo qualche eccezione

Dopo il via libera del Parlamento, il Governo ha prorogato lo stato di emergenza per affrontare la pandemia fino al 31 gennaio 2021. Subito dopo è arrivata una nuova stretta  per il contenimento dei contagi che prevede l’obbligo di indossare la mascherina anche all’aperto, salvo casi eccezionali «Abbiamo approvato un nuovo decreto-legge – ha dichiarato il Presidente del Consiglio Giuseppe Conte – Decreto-legge che è stato elaborato e concepito per affrontare questa nuova fase. C’è una risalita della curva di contagio di qui, quindi, la deliberazione di prorogare lo stato di emergenza al 31 gennaio dell’anno prossimo».

Obbligo di indossare la mascherina (quasi) sempre

Non solo rimane obbligatorio avere la mascherina sempre con sé, ma anche indossarla in tutti i luoghi chiusi, con eccezione delle abitazioni private, e anche all’aperto, salvo in quei luoghi e nelle circostanze in cui, si legge nel comunicato stampa relativo al Consiglio dei ministri, «sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto alle altre persone».

«Dalla data di entrata in vigore del decreto-legge, sarà infatti obbligatorio avere sempre con sé i dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine) e indossarli sempre – ha proseguito il Premier – non solo nei luoghi chiusi accessibili al pubblico, come già in passato, ma più in generale nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e anche in tutti i luoghi all’aperto, a meno che non si non ci si trovi in una situazione di continuativo isolamento».

Eccezioni

I bambini con età inferiore ai 6 anni continuano a non avere l’obbligo di indossare la mascherina, così come le persone con disabilità o patologie incompatibili con l’utilizzo. Non si ha l’obbligo di utilizzare i dispositivi neanche durante l’attività sportiva.