Gorgonzola, partiti i servizi scolastici delle elementari

Doppio turno per il pranzo e borraccia personale tra le maggiori novità

A Gorgonzola sono ripartiti oggi, Giovedì 8 ottobre, i Servizi scolastici, piedibus, trasporto scolastico, pre e post scuola e refezione scolastica, in contemporanea con l’avvio del tempo pieno alle Scuole primarie statali “Grazia Deledda” e “Molino Vecchio”. I nuovi cambiamenti riguarderanno la dotazione per ciascun alunno della borraccia personale, il pranzo con doppi turni e la frutta come merenda. 

No Banner to display

Tre nuove regole 

La ristorazione scolastica è iniziata con i Nidi comunali e le Scuole dell’Infanzia statali nel corso del mese di settembre, in accordo con il gestore del servizio.

Tre le novità introdotte. La frutta a merenda, il pranzo che avverrà con i doppi turni e la scelta del distanziamento che i bambini devono rispettare anche quando consumano il pasto nel locale mensa. Inoltre l’entrata e l’uscita saranno diverse e al termine di ogni turno si provvederà alla sanificazione di banchi e tavoli. 

Verrà eliminata la caraffa di acqua in comune e introdotto l’obbligo della borraccia personale, quale impronta sostenibile plastic-free.

Come l’anno scorso, il panino personale sarà disposto al singolo posto e i pasti, preparati per lo più con prodotti biologici, saranno serviti in menù stagionali e con specialità in occasioni di particolari ricorrenze, quali Halloween, Festa patronale di S. Caterina, Natale, Carnevale e Pasqua.

A pranzo insieme in sicurezza 

«È stata una ripartenza un po’ in salita con numerose incognite sul futuro  perché il Coronavirus non è stato ancora fermato – ha spiegato il vicesindaco e assessore all’Istruzione Ilaria Scaccabarozzi – L’Amministrazione comunale e le dirigenti scolastiche hanno lavorato per riuscire a modulare l’ambito scuola nel rispetto delle disposizioni igienico sanitarie con l’obiettivo di garantire il pranzo a scuola per la sua valenza nutrizionale ed educativa ma anche come aiuto e sostegno alla conciliazione dei tempi di vita e lavoro delle famiglie»

Augusta Brambilla