Gessate, in partenza il primo “pacchetto” di opere pubbliche

Abbattimento delle barriere architettoniche e la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali

L’Amministrazione comunale di Gessate ha comunicato che a breve inizieranno le opere per l’abbattimento delle barriere architettoniche e la messa in sicurezza degli attraversamenti pedonali cittadini. Il primo lotto dei lavori verrà affidato entro il 31 ottobre e il progetto sarà completato con altri interventi che saranno calendarizzati entro la fine del 2020.

Al via la prima tranche

Gli interventi riguarderanno gli attraversamenti rialzati in viale Europa, in prossimità degli incroci con via Como e via Papa Giovanni XXIII, con l’obiettivo di rallentare il traffico all’avvicinarsi dell’incrocio semaforico e in viale Europa davanti alle elementari e le medie.

Le opere per l’abbattimento delle barriere architettoniche riguarderanno quattro interventi all’incrocio semaforico tra Viale Europa e via Monza, il posizionamento di scivoli adeguati in prossimità delle scale mobili del parcheggio sud della Metropolitana e il nuovo attraversamento in via Torino in prossimità di via Salvo D’Acquisto. Saranno inoltre adeguati gli attraversamenti pedonali di via Di Vittorio, via Glassiate, via Piave, via Repubblica e quello vicino alla rotonda di via San Pancrazio-via XXV Aprile.

«Un’opera di primaria importanza»

«Siamo lieti di annunciare l’avvio imminente dei lavori per l’abbattimento delle barriere architettoniche degli attraversamenti pedonali, da sempre da noi considerati di vitale importanza per la sicurezza e la vivibilità interna del paese-  ha dichiarato Sandro Cristina Reggiani assessore all’Edilizia Pubblica – Nonostante le difficoltà riscontrate in questo primo anno di amministrazione a causa dell’emergenza sanitaria da Covid-19 e il mancato incasso degli oneri di previsti a bilancio per coprire tali investimenti, siamo ugualmente riusciti a realizzare un’opera di primaria importanza».

Entro la fine del 2020 seguirà la seconda tranche di opere, attualmente in fase di progettazione.

«Il progetto che andremo a realizzare è stato pensato con un duplice obiettivo – ha sottolineato Sandro Cristina Reggiani – quello di rendere agevole l’attraversamento pedonale a passeggini e portatori di handicap e di ridurre la velocità veicolare, in alcuni punti sensibili, tramite attraversamenti pedonali rialzati».

Augusta Brambilla