“Immagina le parole”: a Cologno una mostra di albi e “silent book”

Dal 12 al 19 settembre un'esposizione che invita ad adottare un approccio diverso nell'interpretazione delle immagini

Sabato 12 settembre alle 16.00 presso la Sala Mostre di Villa Casati a Cologno Monzese si terrà l’inaugurazione della mostra Immagina le parole, organizzata dalla Biblioteca Civica in collaborazione con  l’Associazione Arancio Patafisico. Un percorso attraverso le immagini e le parole con un invito, rivolto a tutti, di un approccio diverso per interpretare le immagini che sono prive di parole.

«Diamo spazio all’immaginazione»

Tanti sono i modi per uniscono le parole e le immagini e di questi conosciamo i libri illustrati, il fumetto e il cinema come gli strumenti diversi in grado di superare le barriere linguistiche. Siamo meno abituati a interpretare le immagini che sono prive delle parole.

«La mostra è un appuntamento annuale promosso dalla Biblioteca civica con la collaborazione dell’Associazione Arancio Patafisico – ha dichiarato Loredana Perziano, direttrice della biblioteca –. Con questa mostra vogliamo promuovere i nostri libri, a partire dagli albi illustrati, che sono alla base dei manufatti creati dai partecipanti, bambini e adulti, ai laboratori artistici condotti da Carmela Carlotta, docente che da anni lavora sul territorio e che fanno parte dei lavori in esposizione».

Le sessanta opere che verranno esposte non saranno solo cartacee, ma anche tele, collage e fotografie. Una sezione sarà dedicata ai “silent books”, libri senza parole, scelti tra i più belli all’interno del catalogo della Biblioteca, che saranno prestabili solo dal 20 settembre.

«Abbiamo scelto degli albi illustrati della Biblioteca, che sono senza parole, per dare spazio all’immaginazione e sforzare la mente a costruire con le proprie parole un percorso di narrazione – ha commentato Carmela Carlotta, docente del laboratorio –. Il messaggio che vorremmo veicolare è che è possibile educare a uno sguardo laterale che vada oltre lo stereotipo che lega le immagini alle parole. Inoltre, si potranno visionare anche 45 Kamishibai, teatrino di immagini di origine giapponese, realizzati dai bambini durante il lockdown per  raccontare la propria storia fantastica».

La mostra – a ingresso libero e gratuito – sarà aperta al pubblico dal 12 al 19 settembre dalle 16 alle 19 presso Villa Casati. Per avere maggiori informazioni, è possibile consultare il sito del comune www.comune.colognomonzese.mi.it, scrivere una email all’indirizzo biblioteca@comune.colognomonzese.mi.it o telefonare al numero 02.25308281.

 

Augusta Brambilla