Trituratore, accolta la richiesta di proroga: anche Rusnati contrario

La società avrà altro tempo per depositare la documentazione. Rusnati«Prendo atto, ma non condivido»

Il fronte Bussero-Cassina de’ Pecchi procede compatto. Negli scorsi giorni, il Comune di Cassina si è opposto formalmente a una richiesta avanzata da Demis, la società che vorrebbe realizzare un trituratore di inerti in località Fornace. L’impresa ha chiesto a Città Metropolitana una proroga – poi concessa – per depositare la documentazione relativa all’impatto ambientale dell’impianto. Una concessione di ulteriore tempo che trova la forte contrarietà anche del Sindaco di Bussero Curzio Rusnati, rinforzando di fatto una collaborazione – quella con l’Amministrazione cassinese – che va avanti ormai da mesi. Nonostante le differenze di orientamento politico, infatti, i due Sindaci Elisa Balconi e Curzio Rusnati hanno sempre viaggiato uniti nel manifestare la propria contrarietà alla costruzione dell’impianto di triturazione «Prendo atto della scelta ma non la condivido – ha detto il primo cittadino – Una proroga era già stata concessa – ha proseguito – ed è sorprendente che sia arrivata un’ulteriore richiesta. Spero che questo sia l’ultimo rinvio. Le amministrazioni e i cittadini – ha concluso –  hanno bisogno di certezze, non di rinvii»