Cassina, uomo scopre 40 piante di cannabis nel proprio terreno agricolo

Il titolare del fondo agricolo ha allertato i Carabinieri, che hanno proceduto alla bonifica del campo

Un ritrovamento piuttosto bizzarro questa mattina a Sant’Agata (Cassina de’ Pecchi), dove il proprietario di un terreno agricolo ha scoperto una coltivazione illecita di piante di cannabis all’interno del proprio campo, destinato alla produzione di granoturco.

Nella giornata di ieri – martedì 21 luglio – l’uomo ha allertato i carabinieri della Stazione di Cassina de’ Pecchi, che hanno effettuato una ricognizione attraverso l’uso di un drone e – grazie all’aiuto di alcuni volontari della Protezione Civile – hanno individuato la presenza di quindici buche, dove le piante di granturco erano stato estirpate per far posto alla cannabis. L’operazione ha permesso di recuperare un totale di quaranta piante di canapa, dell’altezza media di un metro circa.

Nella mattinata odierna, i militari hanno completato la bonifica del terreno agricolo, mentre proseguono gli accertamenti finalizzati ad individuare i coltivatori delle piante sequestrate, che dopo le analisi di laboratorio verranno distrutte.