Segrate, rinviato il pagamento IMU per aziende e famiglie in difficoltà

A stabilirlo una delibera del Consiglio Comunale. Per l'acconto ci sarà tempo fino al 15 ottobre. Necessarie «comprovate e dimostrate difficoltà economiche»

Il covid-19, oltre al dramma sanitario, ha prodotto una crisi economica che sta investendo il Paese. Le Amministrazioni comunali stanno cercando di fare leva sui loro strumenti per alleviarne l’impatto. Una delle vie è il rinvio dei termini per il pagamento delle tasse e anche il comune di Segrate ha deciso di posticipare il pagamento dell’acconto IMU al 15 ottobre, senza sanzioni o interessi, per famiglie e aziende in difficoltà.

Misura riservata a chi è in difficoltà

Per chi ha subito un danno economico dalla pandemia sarà possibile presentare il modello entro il 15 ottobre alla società San Marco Spa, concessionaria per la raccolta dei tributi comunali. Nelle «documentate e comprovate difficoltà economiche» rientrano, come scritto nel modello, la perdita del posto di lavoro, essere stati messi in cassa integrazione e aver usufruito dei buoni spesa comunali per le persone fisiche, o la chiusura forzata dell’attività o un calo del fatturato per le aziende (qui il modello con elenco completo delle cause che determinano una difficoltà economica).

«Un’ulteriore misura di sostegno che mettiamo in campo per far ripartire la città e soprattutto agevolare le famiglie e le imprese segratesi alle prese con la pesante crisi economica post-Covid che stiamo attraversando – ha dichiarato il Sindaco Paolo Micheli -. Abbiamo già deliberato – ha sottolineato – il sostegno economico per il pagamento delle rette alle famiglie con bambini frequentanti i nidi o i campi estivi, l’esenzione dal pagamento della TOSAP per bar e ristoranti, la sospensione dei termini di pagamento di tutte le entrate tributarie e non tributarie derivanti da ingiunzioni di pagamento e avvisi di accertamento, e il differimento dei canoni di affitto e concessione per l’utilizzo di beni immobili comunali. Più avanti chiederemo al Consiglio di prevedere una riduzione della TARI per le utenze più colpite dalla crisi oltre a posticipare a fine anno le scadenze di pagamento della tassa rifiuti per tutti i contribuenti. Questa Amministrazione comunale – ha concluso – è al fianco dei cittadini e userà ogni propria risorsa per mostrarlo concretamente»