Maltrattamenti a febbraio ed evasione a maggio: niente carcere

A febbraio l'arresto per maltrattamenti nei confronti della moglie. Ai domiciliari a casa del fratello, non si è fatto trovare a un controllo.

Foto di repertorio

Un indiano 39enne, agli arresti domicilari a Pozzuolo Martesana, è stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Cassano d’Adda per evasione Venerdì primo maggio. Processato per direttissima in videoconferenza, l’uomo è stato rimesso agli arresti domiciliari.

Già un arresto per maltrattamenti

Il 39enne era stato arrestato il 16 febbraio 2020 a Liscate per il reato di maltrattamenti in famiglia nei confronti della moglie 31enne. Condannato agli arresti domiciliari, si era stabilito a casa del fratello a Pozzuolo Martesana per scontare la pena. Venerdì primo maggio, durante un classico controllo, i militari di Cassano d’Adda non hanno però trovato l’uomo nell’abitazione del fratello. Partiti i controlli, il 39enne indiano è stato trovato in stazione. Dopo essere stato fermato, ha passato la notte in una camera di sicurezza della sede della compagnia dei Carabinieri di Cassano. Per lui però non è avvenuto il trasferimento in carcere, visto che, al termine dell’udienza di convalida avvenuta in videoconferenza, è stato sottoposto ancora agli arresti domiciliari.