Poesia per dire grazie a medici e infermieri

Condividiamo con i nostri lettori la poesia arrivata in redazione, dedicata agli "angeli in camice bianco"

Doctors shake hands

Polvere di Storie è un comitato di Lettura ad Alta Voce di Pessano con Bornago che si occupa di promuovere il piacere della lettura tra adulti e bambini. Un gruppo nato su base volontaria e a cui partecipano le figure più diverse. Tra loro c’è anche un infermiere che, sin dall’inizio dell’emergenza, al San Raffaele ha deciso di essere assegnato proprio alle persone contagiate dal coronavirus.

La poesia

«Volevamo dimostrare la nostra gratitudine, a lui così come a tutti gli operatori sanitari impegnati a prendersi cura dei malati negli ospedali in questo momento critico – ha spiegato Antonella Alia, volontaria del comitato Polvere di Storie e autrice della poesia che ha deciso di condividere con la redazione di Fuori dal ComuneIn occasione della Giornata Mondiale della Poesia abbiamo cercavamo un testo che potesse esprimere il nostro ringraziamento, ma non ne abbiamo trovato nessuno che ci piacesse. Così mi sono offerta volontaria per scriverla io stessa, dal momento che questa è una delle attività che mi appassiona».

Soldati d’eccellenza in corsia

 

Ci sono soldati chiamati a drappello
per fermare un terribile flagello.
Senza sosta lottano i soldati,
in camice bianco come angeli alati.
Non c’è notte, né giorno, non c’è sera,
mentre fuori è arrivata la rosea primavera.
Lottano in corsia i soldati valorosi,
vite soccorrono del loro lavoro orgogliosi.
Cuore grande, incuranti del pericolo,
soccorrono come possono quelle vite in bilico.
Fanno miracoli e neanche lo sanno,
giorno per giorno ignorano l’affanno.
tenacia e volontà sfoderano lesti
e ridanno la speranza in questo giorni funesti.
Sono spesso funamboli consapevoli di cadere,
ma a loro non importa: il lavoro è più di un dovere.
Stare accanto a chi soffre è una missione,
lottano fino in fondo con abnegazione.
Soldati, nuovi eroi dei nostri tempi,
medici e infermieri: per tutti noi esempi.
A voi va la nostra riconoscenza
del nostro Paese soldati d’eccellenza.

-Alia Antonella

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Letture ad alta voce per i bambini 

«Poco prima dell’emergenza stavamo portando avanti un progetto di audiolibri dedicati a bambini con difficoltà visive – ha poi spiegato Antonella Alia che è anche un’insegnante nella scuola dell’infanzia – con il blocco di tutte le attività abbiamo dovuto fermarci». Polvere di Storie però non ha voluto arrestare del tutto la sua attività, così ogni sera da ormai sei settimane, condivide sulla pagina Facebook una favola per bambini letta ad alta voce.