Non gettarli a terra! La campagna per il corretto smaltimento di guanti e mascherine

Sempre più dispositivi di protezione individuale vengono lasciati per strada creando rischi di salute e per l'ambiente

Uno dei problemi collaterali dell’emergenza del quale è arrivato il momento di occuparsi è quello del corretto smaltimento di mascherine e guanti usati che, come è spesso stato denunciato da cittadini di diversi Comuni, vengono abbandonati nei pressi di supermercati e alimentari. La Città Metropolitana di Milano e i Comuni del territorio hanno così dato il via a una campagna cartacea e web di sensibilizzazione per ovviare al problema, che vedrà coinvolti sia cittadini che i supermercati e i loro dipendenti.

No Banner to display

Non gettarli a terra!

Guanti e mascherine divenuti oggetti indispensabili alle attività di tutti i giorni hanno purtroppo il difetto di non essere biodegradabili e il preoccupante aumento dell’abbandono lungo marciapiedi e aree verdi di questi dispositivi di protezione individuale, non fa altro che andare a creare un ulteriore problema in un contesto già difficile, non solo perché questi rifiuti inquinano l’ambiente, ma comportano anche un rischio sanitario. I Comuni sicuramente a conoscenza della situazione, hanno aderito di buon grado alla campagna Non gettarli a terra! che invita al corretto smaltimento di guanti e mascherine usati gettandoli nell’indifferenziato – possibilmente usando due sacchetti uno dentro l’altro -, senza che vengano così dispersi nell’ambiente.

«Credo che in questo momento di emergenza – ha detto la vice sindaca di Città Metropolitana Arianna Censi , sia doveroso pensare al prossimo e alla salvaguardia dell’ambiente: mascherine e guanti dopo l’utilizzo non devono essere dispersi nell’ambiente».