Gessate, “la spesa sospesa”: un aiuto a chi è in difficoltà

Un servizio reso possibile grazie alla collaborazione tra Amministrazione comunale, Caritas e commercianti locali

In questo momento di emergenza nazionale a causa dell’epidemia da Coronavirus anche la situazione economica di tante famiglie, a causa del blocco delle attività produttive dovute alle misure di contenimento e di contrasto alla diffusione del Covid-19, sono diventate più difficili e complicate da gestire. Proprio per sostenere persone e famiglie in maggiore difficoltà, l’Amministrazione comunale di Gessate ha dato avvio, in collaborazione con la Caritas parrocchiale, all’iniziativa “La Spesa Sospesa”.

Un gesto di solidarietà urbana sociale

Un’idea dell’Amministrazione comunale che ha preso vita grazie alla collaborazione con la Caritas Parrocchiale, i commercianti gessatesi e alla generosità e alla voglia di contribuire dimostrata da molti cittadini. L’intento del progetto è di promuovere la dignità delle famiglie in difficoltà, cercando di sostenerle nell’acquisto dei beni di prima necessità.
Per aderire è semplice. Basta acquistare dei prodotti alimentari a lunga conservazione che verranno ritirati, settimanalmente, dai volontari e verranno recapitati alla Caritas Parrocchiale che si occuperà della distribuzione alle famiglie che ne hanno maggiormente bisogno.

Il benessere psicologico, un “bene” di prima necessità

La solitudine e l’emergenza possono provocare risposte emotive di disagio e di fatica. L’Amministrazione comunale ha attivato un servizio di ascolto e supporto psicologico al numero 02-959299555, attivo dal Lunedì al Venerdì dalle 9 alle 12, al quale è possibile richiedere una consultazione telefonica con uno psicologo che offrirà uno spazio di ascolto per trattare le difficoltà siano esse di natura personale che familiare.

Augusta Brambilla