Covid-19, attenzione alle truffe

Falsi avvisi della polizia e finti volontari. Il coronavirus non ferma i truffatori

Anche in una situazione di emergenza come quella scatenata dalla diffudsione del covid-19, c’è chi cerca di approfittarsi delle persone più fragili. A Cambiago 2 soggetti con mascherina si presentano porta a porta, spacciandosi per volontari comunali e offrendo il loro aiuto per la spesa a domicilio. Ancora non si sa se queste persone siano truffatori o improvvidi volontari fai da te, ma il Comune ha sottolineato che «i soggetti non sono autorizzati», specificando che «i volontari civici sono riconoscibili» in quanto «hanno pettorina e numero di autorizzazione, prestano servizio su richiesta e non in maniera volontaria».

Da Cambiago a Segrate, dall’offerta della spesa a domicilio alla consegna delle mascherine. Qui è stata la Polizia Locale a lanciare l’allarme alla cittadinanza «Vi esortiamo a diffidare e chiamarci per eventuali conferme – hanno scritto -. Purtroppo nella maggioranza dei casi – hanno sottolineato – si tratta di truffe porta a porta, con sciacalli che con ogni scusa si introducono nelle case, soprattutto di anziani e persone sole, per commettere furti o chiedere denaro».

Il precedente

Solo qualche giorno fa un falso avviso di polizia era stato appeso in un condominio. Il documento invitava tutti i residenti a lasciare e abbandonare il palazzo, pena un’ammenda da 206 euro o l’arresto. Ovviamente si trattava di un modo per far lasciare alle persone la loro abitazione e probabilmente compiere furti indisturbati.