Cassina, riaperti gli orti comunali

Turnazioni e ingressi regolati per la sicurezza degli ortisti

immagine di repertorio

L’Amministrazione comunale di Cassina de’ Pecchi ha deciso di riaprire Lunedì 27 aprile gli orti comunali, con ingressi regolati e una turnazione settimanale per evitare assembramenti che rischierebbero di mettere in pericolo la salute degli ortisti e non solo.

Coltivare la terra per sentirsi meno soli

Gli orti urbani sono apprezzamenti di terreno coltivabili a scopo non commerciale e concessi ai privati cittadini in via temporanea. Sono porzioni di verde attrezzato che incentivano l’aggregazione, favoriscono un uso costruttivo del tempo libero e contribuiscono a riqualificare aree urbane dismesse o degradate. L’assegnazione degli spazi avviene per mezzo di bandi pubblicati dai Municipi che hanno lotti disponibili. Ogni Comune stabilisce autonomamente anche i requisiti da possedere per richiederli.

Rispetto delle regole per operare in sicurezza

L’ingresso agli orti comunali avverrà con una turnazione settimanale che prevede l’accesso al proprio orto di 12 persone al giorno: 6 al mattino e 6 al pomeriggio, in modo tale da evitare assembramenti.
L’Amministrazione comunale ha dichiarato «un risultato che abbiamo ottenuto grazie all’impegno del consigliere delegato Gaetano Greco, che ha lavorato in sinergia con il presidente degli ortisti, Sebastiano Conte, per arrivare a un’organizzazione che garantisse la sicurezza di tutti. Si invitato dunque tutte le persone che usufruiscono dell’orto comunale a rispettare la turnazione e le regole dettate dall’Amministrazione, condizione indispensabile senza la quale gli orti non sarebbero stati riaperti».
La Polizia Locale effettuerà dei controlli periodici per la verifica delle norme e sanzionerà chiunque si trovi nell’orto senza rispettare il proprio turno.

Augusta Brambilla