La Caritas di Cernusco ha attivato un servizio di aiuto psicologico

Chi ha bisogno potrà telefonare e confrontarsi con operatori qualificati. Dario Gellera: «Abbiamo capito che le persone avevano bisogno di parlare»

In un momento di emergenza come quello che stiamo vivendo, l’isolamento imposto in casa, per le persone in quarantena non solo, può diventare difficile da gestire anche da un punto di vista emotivo. Ecco perché la Caritas di Cernusco sul Naviglio, che dall’inizio dell’epidemia ha iniziato a distribuire spesa e medicinali alle persone in difficoltà, ha deciso di fare un passo ulteriore, di occuparsi dell’anima  -o dello spirito – di chi in questo momento ha necessità di un supporto e di scambiare qualche parola. E’ nato così un servizio di ascolto a opera di professionisti che si sono resi disponibili come volontari. In caso di necessità si potrà telefonare al 3357818295. Il servizio – attivo da oggi, Giovedì 26 marzo – è disponibile tutti i pomeriggi dalle 17 e alle 19.00 ed esteso – il Martedì, il Giovedì e la Domenica – fino alle 21.00.

Un servizio nato dalla necessità

«In una situazione di emergenza bisogna far andare la fantasia – ha detto Dario Gellera, Diacono di Cernusco sul Naviglio che si è occupato di organizzare il servizio. – Quando abbiamo iniziato a consegnare la spesa e i farmaci a domicilio – ha proseguito – abbiamo capito che le persone avevano anche il bisogno di parlare, che questa era l’esigenza numero due. A prendere in carico le telefonate  saranno pedagogisti, counselor e psicologi. Io – ha concluso – mi occuperò anche della parte spirituale.