Isolamento forzato e violenza domestica: il 1522 rimane attivo anche durante l’emergenza

I centri antiviolenza rispondono alle richieste d'aiuto 24h su 24

Stare chiusi in casa per qualcuno può rappresentare una sfida di maggiore difficoltà da affrontare che per altri. Indubbiamente quel che adesso minaccia la salute delle persone si trova fuori dalle case, ma per molte donne vittime di violenze il pericolo si può nasconde anche tra le mura domestiche, che possono diventare una vera e propria prigione. Il numero di emergenza 1522 è gratuito e risponde 24 h su 24 con operatrici specializzate che accolgono tutte le richieste di aiuto, anche in inglese, spagnolo, francese e arabo.

Consigli

Noia e stress possono sfociare in violenza e abusi quando si è costretti per lungo tempo a convivere in isolamento forzato e anche le dinamiche che finora erano rimaste sotto controllo, adesso possono dare luogo a episodi violenti.

Anche richiedere aiuto può però rappresentare un problema non da poco. Ecco perché si consiglia di chiamare il 1522 mentre si è sole in casa, si fa va a fare la spesa, si butta la spazzatura, oppure fingendo di ordinare qualcosa per telefono o ancora si può chiedere a qualcuno di cui ci si fida di fare la chiamata, ricordandosi poi di non lasciare mai traccia delle proprie conversazioni e di cancellare sempre la cronologia delle chiamate dal telefono.
Qui il sito del telefono rosa per altre informazioni.