Carugate, al via il bilancio partecipativo. Ancora polemiche sul PGT

L'assessore al Bilancio Sabrina Cerinotti ha illustrato tutte le fasi di PartecipAttivamente. Insieme per Carugate loda l'iniziativa, ma torna al PGT

E’ partito l’iter di PartecipAttivamente, il bilancio partecipativo di Carugate. Aumento del budget la novità principale annunciata dall’assessore al Bilancio Sabrina Cerinotti via video – la serata di presentazione del 3 marzo è saltata causa coronavirus – che ha poi illustrato tutti i passaggi dell’iniziativa.

Un plauso è arrivato anche da un pezzo di opposizione, Insieme per Carugate, che non ha però perso occasione di ricordare come su un altro tema, il Piano di Governo del Territorio, la partecipazione della cittadinanza non sia stata invece sufficientemente ricercata.

Aumenta il Budget

La versione 2.0 del bilancio partecipativo del Comune di Carugate è stata illustrata dall’assessore al Bilancio Sabrina Cerinotti che ha spiegato tutti i passaggi che porteranno fino alla votazione finale di inizio giugno 2020 e ha invitato i cittadini a «pensare un progetto o una iniziativa ritenuta utile per Carugate».

La grossa novità rispetto all’edizione precedente è sicuramente il budget: 70.000 euro stanziati – suddivisi in 35.000 per l’area ambiente e sostenibilità e altrettanti per quella cultura e tempo liberi – rispetto ai 50.000 dell’edizione precedente. I progetti possono essere presentati da tutti i cittadini che compiranno 14 anni entro il 31 dicembre 2020, attraverso un modulo che verrà recapitato a casa o scaribabile dal sito del comune (link) che dovrà essere poi consegnato al comune via mail o attraverso i punti di raccolta.

I progetti possono essere condivisi. Opportunità importante, visto che alla fase finale delle votazione arriveranno solo quelli che avranno ricevuto più adesioni. Dopo un’analisi di fattibilità e sostenibilità economica da parte degli uffici, a giugno tutti i cittadini di Carugate saranno chiamati a votare un progetto per area.

Insieme per Carugate: «Ottima iniziativa», ma…

La forza politica di opposizione Insieme per Carugate si è detta contenta per l’iniziativa del bilancio partecipativo. Un apprezzamento per il merito«i cittadini decidono come spendere 70.000 euro del bilancio comunale» – e per il metodo adottato, con il coinvolgimento della cittadinanza attraverso «8000 questionari, 100 locandine e 20 manifesti» e la distribuzione «nelle caselle delle 6500 famiglie di Carugate».

Insieme per carugate non ha perso l’occasione per tirare una stoccata all’amministrazione sulla questione del PGT, che ha visto le opposizioni uscire in blocco dal consiglio al momento della votazione per l’adozione. Soprattutto, la lista rappresentativa di Forza Italia e della Lega, ha sottolineato quella che ritiene una diversa gradazione di coinvolgimento della cittadinanza sul bilancio partecipativo e, appunto, sul piano di governo del territorio. «Ci colpisce che per la variante al PGT, che cambierà per sempre il futuro di Carugate, il Comune non ha stampato alcun materiale illustrativo da distribuire alle famiglie che non sono state nemmeno minimamente raggiunte dall’informazione – hanno scritto -. Dopo i primi tavoli a tema, del febbraio e marzo 2019 e con 19 partecipanti su 15.000 abitanti – hanno proseguito – non ci sono state più azioni di coinvolgimento. Come forze di opposizione – hanno concluso – non ci siamo mai stancati di chiedere azioni che purtroppo si sono ridotte al minimo sindacale».