Segrate, la mostra Ricordi Sospesi celebra i luoghi abbandonati tra Italia e Chernobyl

Al Centro Civico Verdi le fotografie che ridanno dignità al patrimonio storico e artistico degli edifici dimenticati

Ve lo sarete chiesti anche voi. Cosa rimane di tanti luoghi pubblici, dimore storiche, ville, casali dopo il loro abbandono? Venerdì 21 febbraio alle 18.30 si terrà l’inaugurazione della mostra Ricordi sospesi – Luoghi abbandonati tra Italia e Chernobyl presso il Centro Civico Verdi a Segrate, a cura di Urbex Squad.

Documentare luoghi e simboli per renderli immortali

La mostra si compone di 50 fotografie di luoghi dimenticati in Italia, in Francia e nella zona esclusa di Chernoby e Pryp’at in Ucraina che sono state realizzate durante le esplorazioni di questi luoghi.
L’intento dell’esposizione è quello di mostrare, attraverso una selezione di scatti, ciò che rimane di antiche ville nobiliari, case, fabbriche, luoghi pubblici, ospedali, manicomi dopo il loro abbandono. Ridare vita e dignità a un patrimonio storico, artistico e personale che purtroppo è stato dimenticato o lasciato a se stesso e all’incuria del tempo che passa.

La mostra è stata realizzata da Mattia Brambilla, Mattia Deavi, Carlo Rivieccio, Roberto Rossi e Jerry Vecchio. Resterà aperta al pubblico dal 21 febbraio al 12 marzo 2020, tutti i giorni dalle 10.00 alle 18.30 al Centro Civico Verdi.

Per avere maggiori informazioni è possibile consultare il sito del comune cliccando qui.

Augusta Brambilla