Manovra taglia mutui, i risultati a Segrate. Stanca: «Ora più servizi ai cittadini»

Cancellati in due anni debiti per 13 milioni di euro

Il grande sospiro di sollievo per le casse comunali arriva al termine di due anni di applicazione della manovra taglia mutui, che ha permesso al comune di Segrate di liberare la spesa corrente dai pesanti effetti dell’enorme mole di mutui contratti in passato con gli istituti di credito.

MANOVRA TAGLIA MUTUI: I RISULTATI

Tredici milioni di euro di debiti complessivamente tagliati: con la rata del 31 dicembre 2019 saranno estinti anticipatamente mutui per un importo complessivo di circa 4,4 milioni di euro, operazione che va ad aggiungersi alla prima tranche di mutui estinti a fine 2018, che ha azzerato complessivamente due terzi dei mutui in essere.

MENO DEBITI, PIÙ SERVIZI AI CITTADINI

«L’estinzione anticipata dei mutui contribuisce al riequilibrio finanziario del Comune – ha spiegato Luca Stanca, vicesindaco e assessore al Bilancio -. Questa manovra ci consente di risparmiare un milione e mezzo di euro all’anno tra rate e interessi e impegnare queste risorse per finanziare servizi ai cittadini»

«Siamo agli atti finali di una manovra salva bilancio che ci farà uscire dalla palude dei conti in rosso, garantendoci maggiori risorse per finanziare servizi per i segratesi – ha concluso il sindaco Paolo Micheli -. Un intervento di riequilibrio dei conti responsabile che pone rimedio agli sperperi del passato, quando si spendevano più soldi di quanti ce ne fossero a disposizione, giocando d’azzardo con il nostro futuro e quello delle nuove generazioni»