Gessate, inaugurata la panchina rossa contro la violenza sulle donne

Un modo di ricordare l'impegno del comune contro la violenza di genere

Da destra a sinistra Lucia Mantegazza, Paolo Nicolodi, Alice Castiglioni, Debora Abbamonte, Sara Marcotti e Maria Stella De Ponti.

In un clima di complicità, giovedì 28 novembre, nel parco di Villa Daccò a Gessate, i ragazzi del ForumGiovani hanno inaugurato una panchina rossa, simbolo contro la violenza sulle donne, alla presenza del sindaco Lucia Mantegazza, dell’assessore alle Politiche Sociali Maria Stella De Ponti, della rete V.I,O.L.A, di Paolo Nicolodi, Alice Castiglioni, Carmen Abbamonte e Sara Marcotti – educatori del Forum.

LA PANCHINA ROSSA

Il progetto – iniziato il 26 novembre 2017 in occasione della Giornata mondiale contro la violenza sulle donne – consiste nel dipingere di rosso alcune panchine dislocate nei parchi e nelle vie delle città e dei paesi di tutta l’Italia, con particolare attenzione alle zone di periferia, in ricordo delle donne vittime di femminicidio. Si tratta di simboli fisici che devono diventare contemporaneamente un luogo per diffondere consapevolezza su questo preoccupante fenomeno e segni tangibili di un impegno quotidiano volto ad aiutare le donne a uscire da situazioni di violenza.

Tutte le panchine riportano il numero nazionale antiviolenza 1522 perché, oltre che un momento di riflessione, vogliono essere uno strumento utile per indicare a chi ne avesse bisogno come iniziare un percorso di fuoriuscita dalla violenza.

IL FORUM GIOVANI

Sono venti i ragazzi, dai 14 ai 20 anni, che frequentano la realtà del ForumGiovani e che sotto la guida delle educatrici Alice Castiglioni e Carmen Abbamonte hanno seguito questo progetto. «Abbiamo iniziato a settembre parlando della violenza di genere attraverso la visione del film “La battaglia dei sessi”, il laboratorio teatrale sul corpo, il confronto con le operatrici della rete V.I.O.L.A e la realizzazione di un grande disegno collettivo. I ragazzi si sono dimostrati attenti, ricettivi e sensibili, hanno imparato a ragionare e a riflettere, in prima persona, su tematiche così importanti come il rispetto della dignità e della libertà individuale di ciascuno e hanno compreso il valore della panchina rossa e della solidarietà».

Un disegno dei ragazzi del Forum
UN «SEGNO TANGIBILE» DELL’IMPEGNO COMUNALE

Il primo cittadino, Lucia Mantegazza, circondata dai 20 ragazzi del ForumGiovani, ha dichiarato: «Il 25 novembre è la giornata internazionale per l’eliminazione della violenza sulle donne e, per dare un segno tangibile di quanto sia importante l’opera di sensibilizzazione, abbiamo realizzato un percorso di conoscenza e riflessione con i ragazzi del ForumGiovani, coadiuvati dalle operatrici della reta V.I.O.L.A e dagli educatori. I ragazzi hanno realizzato la panchina rossa, che è un simbolo importante per non dimenticare tutte le vittime di violenza e per ricordare che insieme si può fare molto per combattere un fenomeno che è diventato allarmante e che riguarda tutti noi».

Alle sue parole hanno fatto eco quelle dell’assessore Maria Stella De Ponti, che ha ribadito: «La panchina rossa è ubicata in un luogo di passaggio, dove tutte le persone possono cogliere il numero di urgenza, 1522, che vi è riportato e soprattutto non devono chiudere gli occhi. È un richiamo a tutta la collettività a non far finta di niente, a prestare attenzione e a non lasciare sole le donne in difficoltà».

 

Augusta Brambilla