Impianto di triturazione: a Cernusco la politica dovrà esprimersi

La Città in Comune - Sinistra per Cernusco: «Chiediamo a tutte le forze politiche di Cernusco di sottoscrivere e approvare una mozione in cui si dice no all'impianto»

Rita Zecchini

L’affaire trituratore arriva in Consiglio Comunale a Cernusco sul Naviglio con una proposta di mozione presentata dal gruppo La Città in Comune – Sinistra per Cernusco. Dopo il voto all’unanimità contro l’impianto di triturazione del Consiglio Comunale di Cassina de’ Pecchi, quindi, anche le forze politiche cernuschesi dovranno esprimersi sul tema.

LA MOZIONE

il gruppo consiliare guidato da Rita Zecchini ha detto di non negare l’utilità generale degli impianti di triturazione, ma di essere contrario a quello che dovrebbe sorgere in località Fornace perché troppo vicino a zone residenziali di Cernusco (Ronco), Cassina de’ Pecchi e Bussero, che potrebbero avere disagi causati dal rumore, dalle polveri e dal traffico.

Proprio per queste ragioni La Città in Comune – Sinistra per Cernusco hanno invitato «tutte le forze politiche di Cernusco a sottoscrivere e approvare nella prossima seduta del Consiglio una mozione in cui si dice no all’impianto, in primo luogo a tutela della salute dei cittadini, impegnando sindaco e amministrazione comunale ad attivarsi nelle sedi istituzionali competenti per non consentire la realizzazione di tale impianto».

In vista della manifestazione di Sabato 28 settembre, sul tema trituratore si apre dunque una breccia politica a Cernusco. Come voteranno le forze di maggioranza?