Bussero, una tavolata di 150 metri all’insegna dell’incontro e dell’accoglienza

In occasione della Giornata Mondiale del Migrante, si terrà anche l'inaugurazione dell'opera donata al Comune dall'artista busserese Mauro De Carli

Il 29 settembre si celebra la Giornata Mondiale del Migrante e Bussero si conferma ancora una volta città dell’accoglienza e dell’integrazione.

Quest’anno, l’Amministrazione Comunale e le associazioni del territorio hanno organizzato pranzi, conferenze e proiezioni cinematografiche per dar vita a un weekend all’insegna dell’incontro e della convivenza.

La “due giorni” busserese comincia venerdì 27 presso l’auditorium della biblioteca, dove alle ore 21.00 si terrà un incontro con Daniele Biella – giornalista e testimone diretto della vicenda della nave Acquarius -, seguito dalla proiezione di alcuni cortometraggi.

Gli eventi proseguono poi nella giornata di domenica con l’inaugurazione dell’opera La Zattera delXX MedXXXterraneo e la Tavolata dell’Incontro e della Convivenza, che unirà simbolicamente Comune e Chiesa in un pranzo conviviale autogestito.

«UN DONO PER LA COMUNITÀ»

Alle 11.45 di Domenica si terrà l’inaugurazione dell’opera La Zattera delXX MedXXXterraneo, realizzata dall’artista busserese Mauro De Carli e donata al Comune in segno di riconoscenza.

«Ho altre opere pubbliche in giro per l’Italia – ha raccontato l’autore – e diventava per me motivo di difetto non essere presente nel Comune che mi ha supportato e che ha dimostrato un’attenzione particolare per l’arte. Ho quindi colmato la mancanza con questa donazione che è arrivata come segno di riconoscenza e stima per il luogo, la popolazione e la comunità amministratrice in cui sono nato e vivo, che ho sempre percepito come portatrice di valori etici e civili importanti».

L’opera è ispirata al capolavoro di Géricault La Zattera della Medusa e traccia un parallelo tra il tragico naufragio della fregata francese La Méduse del 1816 e i naufragi dei nostri tempi, che sempre più frequentemente avvengono nel Mar Mediterraneo.

Un’opera provocatoria e di denuncia, che rappresenta il dramma dello sfruttamento e della deportazione, mettendo in luce la condizione disperata di chi scappa da guerre e povertà con la speranza di una vita migliore.

«Il lavoro è complesso – ha confessato De Carli – con molteplici livelli di lettura […] che tendono a costruire una visione della realtà complessa, a volte contraddittoria, piena di nodi difficili e forse impossibili da districare, come il tema della migrazione e dell’accoglienza in fondo risulta se ci teniamo lontani da slogan e calcoli politici».

“La Zattera delxx Medxxxiterraneo” – Mauro De Carli

UN’UNIONE SIMBOLICA

Evento clou del fine settimana sarà la Tavolata dell’Incontro e della Convivenza, che si terrà domenica 29 alle 12.30. Oltre 150 metri di tavolo, che uniranno simbolicamente due luoghi di accoglienza come il Comune e la Chiesa per dar vita a un momento di scambio, in cui ognuno dei partecipanti potrà condividere piatti tipici della propria cultura e della propria storia.

L’INVITO DEL SINDACO RUSNATI

«Bussero è ed è sempre stata una città aperta – ha sottolineato il primo cittadino Curzio Rusnatie la nostra ferma volontà resta quella di favorire in ogni modo l’incontro, la conoscenza e la convivenza tra tutte le cittadine e i cittadini, che vivano qui da sempre o che siano arrivati da poco».

«Nel rispetto dell’identità, dei diritti e dei doveri di tutti – ha aggiunto – con equilibrio e responsabilità vogliamo insieme ai nostri cittadini costruire percorsi e azioni che favoriscano la crescita di una comunità plurale, libera e coraggiosa che sappia prendersi cura di se stessa».

COME PARTECIPARE

Per partecipare alla Tavolata di domenica basta inviare una mail all’indirizzo chiaroscuri@chiaroscuri.it oppure a franca.calledda@gmail.com. In alternativa, si può chiamare il numero 3293997866 dalle 18.00 alle 21.00.