GDPR in arrivo, come non farsi sorprendere dal nuovo regolamento sulla privacy

Sanzioni fino al 4% del fatturato annuo per chi non si mette in regola con la nuova normativa

GDPR è l’acronimo di General Data Protection Regulation e consiste nella disciplina europea, contenuta nel Regolamento UE 2016/679, che affronta e rinnova, in maniera organica, la tematica della tutela della privacy e della protezione dei dati personali.

CHI SI DEVE ADEGUARE

Qualsiasi impresa, grande o piccola che sia, che abbia a che fare con dati personali (intesi come informazioni connesse a individui e alle loro vite professionali: nomi, fotografie, email, dettagli bancari) e con dati sensibili (dati su origine razziale o etnica, opinioni politiche, appartenenza sindacale, informazioni sessuali etc) dovrà adeguare la propria struttura al nuovo regolamento. Se da una parte quindi avremo più protezione dei nostri dati, dall’altra tutto ciò significa anche maggiori obblighi per le imprese.

ENTRO QUANDO?

Negli ultimi tempi l’attenzione sull’argomento sta crescendo sempre più, considerato che il 25 Maggio 2018 la nuova disciplina europea entrerà in vigore. Allora diventa necessario informarsi per non farsi cogliere impreparati e rischiare sanzioni.

LE SANZIONI

Essendo un regolamento europeo, a partire dal 25 maggio essa sarà direttamente applicabile anche in Italia e di conseguenza le sue sanzioni. Chi non si adegua rischia infatti multe fino al 4% del fatturato annuo.

COME FARE PER NON INCORRERE IN SANZIONI

La materia è molto complicata e va analizzata caso per caso a seconda della qualità e della quantità dei dati in possesso alle aziende. Grazie ad un’importante convenzione che Fuoridalcomune.it ha stretto con New Fire, azienda leader nel settore della sicurezza sul lavoro, è possibile richiedere una prima consulenza gratuita compilando il form che trovate qui sotto, e fissare un appuntamento senza impegno con un professionista del settore.

VALUTAZIONE GRATUITA GDPR

Messaggio promozionale