Per un’acqua di qualità, il Gruppo CAP introduce il Water Safety Plan

Mattinata importante, giovedì 1 marzo, presso la scuola elementare di Bussero dove alla presenza del sindaco Curzio Rusnati e dell’assessore Tommaso Chiarella di Cassina de Pecchi, il Gruppo CAP ha presentato l’innovativo piano per il controllo delle acque.

No Banner to display

Gruppo CAP presenta a Bussero il Water Safety Plan
Gruppo CAP presenta a Bussero il Water Safety Plan

Si tratta del cosiddetto Water Safety Plan, un programma introdotto dalla normativa europea a cui CAP ha aderito prima di qualunque altra società italiana.

Fino a ieri, ha spiegato Alessandro Russo amministratore delegato di CAP Holding spa, l’approccio alla verifica della qualità dell’acqua era basato sulla sorveglianza. Ovvero veniva effettuato un cospicuo numero di controlli e solo nel momento in cui il campione non risultava più buono, si predisponeva un intervento.

Gruppo CAP presenta a Bussero il Water Safety Plan
Gruppo CAP presenta a Bussero il Water Safety Plan de

Ora, grazie al Water Safety Plan il modello di controllo dell’acqua potabile sarà diverso. L’analisi riguarderà l’intero processo, dalla falda al rubinetto, tenendo in considerazione i rischi legati al territorio e facendo prevenzione al fine di garantire sempre alti standard di qualità.

“È un investimento importante in innovazione tecnologica, ricerca e sviluppo reso possibile grazie al dialogo costante con i Comuni e i cittadini, che portiamo avanti da 90 anni” – ha dichiarato Alessandro Russo specificando che entro il 2020 grazie alla collaborazione con le amministrazioni locali tutti i comuni dell’area metropolitana adotteranno il WSP.

Il campionamento dell’acqua dei rubinetti è per CAP una novità assoluta che sarà applicata nelle scuole di Bussero, Cassina e Cernusco, comuni in cui da oggi è attivo il programma.

Gruppo CAP presenta a Bussero il Water Safety Plan
Gruppo CAP presenta a Bussero il Water Safety Plan

Così questa mattina, alla presenza degli alunni di una classe della scuola primaria, i responsabili di CAP hanno prelevato un campione di acqua dal rubinetto della mensa scolastica. Lo analizzeranno e nell’arco di qualche giorno si conoscerà la qualità di quell’acqua.

Ciò che cambia rispetto al passato è anche il sistema di controllo. Se prima infatti venivano programmati prelievi a cadenza mensile, ora tramite prelevatori automatici inseriti nella rete si hanno risultati continui.

“Il nostro obiettivo – ha affermato il sindaco Curzio Rusnati – è di occuparci delle persone. E il progetto WSP è esattamente in linea con questo obiettivo. Controllo, garanzia e qualità sono gli elementi alla base della gestione dell’acqua pubblica. Partire dai bambini e dai luoghi dove trascorrono la maggior parte del loro tempo, ovvero le scuole, rappresenta per noi un forte segnale di sicurezza, ma soprattutto contribuisce a sensibilizzare e educare le nuove generazioni al consumo responsabile e consapevole dell’acqua pubblica”.