VIMODRONE
DATI INCORAGGIANTI PER LA POLIZIA LOCALE CHE SI PREPARA PER LE NOVITÀ DEL 2018 CONSEGNANDO I GRADI AI SUOI AGENTI

Un 2017 molto soddisfacente  per gli agenti della Polizia Locale di Vimodrone, che la scorsa settimana hanno presentato alla cittadinanza il report sull’attività dell’anno che si è appena concluso.

In molti infatti tra addetti ai lavori, cittadini e commercianti, hanno preso parte alla conferenza presso la sala riunioni del Comando di Polizia Locale di via Battisti 56.

IL FILMATO

Il comandante Giovanni Pagliarini e il sindaco con delega alla Polizia Locale Dario Veneroni hanno inizialmente introdotto un filmato girato in collaborazione con Industria Scenica (associazione artistico/creativa che ha sede proprio a Vimodrone), che racconta la quotidianità di tutti gli agenti impegnati a offrire il proprio servizio per le strade della città.

Lo scopo – ha raccontato il comandante Pagliarini – è quello di mettere in evidenza che dietro alla divisa ci sono uomini e donne che svolgono delle attività al servizio dei cittadini

Caro cittadino – inizia a raccontare la voce fuori campo – ci vedi spesso in giro per la città, per le strade, agli incroci, alle uscite delle scuole, in macchina, in bici, a piedi, ma quella è solo una parte del nostro grande lavoro forse la più visibile. Vogliamo pero raccontarti anche di quella parte più nascosta, che non si vede, ma che è così importante per la nostra città e per chi ci vive. Ti sei mai chiesto, oltre a multe e sanzioni, quali compiti svolgiamo ogni giorno qui?”

All’introduzione del filmato seguono le diverse testimonianze degli agenti del Comando, che raccontano come gli imprevisti possano interrompere quello che è già il quotidiano e impegnativo compito di pattugliamento del territorio, che include posti di controllo, pronto intervento, servizio di sicurezza all’uscita delle scuole, risposta e smistamento delle chiamate dei cittadini alle varie pattuglie sul territorio, regolazione del traffico (come i vecchi Vigili Urbani), tutela del consumatore e molto altro.”

La divisa – racconta un agente – è innanzitutto un impegno, significa mettersi a disposizione della comunità per cui lavori e cercare di rispondere ai loro bisogni”.

“È parte della mia vita”, incalza un’altra.

Le persone che ti vedono – spiega un altro ancora – ripongono speranze e fiducia in te”,

“È una responsabilità non da poco – conclude l’ultimo – noi rappresentiamo agli occhi della gente l’immagine dell’istituzione”.

I RISULTATI

I risultati positivi di cui l’amministrazione e il comando sono fieri riguardano sia i miglioramenti sul territorio che i nuovi progetti partiti nell’anno 2017, come il servizio comunale di rilascio abbonamenti annuali ATM, che, non costringendo più il cittadino a rivolgersi agli ATM point, rende più agevole il loro ottenimento. Nei fatti, da gennaio 2017, ben 40 abbonamenti per studenti sono stati erogati attraverso gli uffici comunali.

È stata posta molta attenzione alle tematiche donne e violenza, con l’avvio di lezioni gratuite di autodifesa e di un seminario (noi ne avevamo parlato qui https://www.fuoridalcomune.it/2017/10/11/vimodrone-un-seminario-gratuito-di-autodifesa-femminile-con-la-kombat-academy/ ).

Si è poi dedicato molto tempo all’educazione nelle scuole, con l’illustrazione di strumentazioni e servizi della Polizia agli studenti delle classi 5’ delle primarie e 3’ delle secondarie, incontri e spettacoli teatrali riguardanti codice della strada, bullismo e cyberbullismo.

Investiamo – ha commentato, a questo proposito, il comandante Pagliarini – sui nostri ragazzi e sulle nostre ragazze in un progetto che ci vede entrare nelle scuole, dalle materne fino a elementari e medie, collaborando con l’istituzione scolastica, con un intervento calibrato secondo l’età dei ragazzi. Alle attività didattiche nostre, per esempio di spiegazione del codice della strada, abbiniamo collaborazioni con soggetti sociali come Industria Scenica, organizzando giochi didattici e spettacoli teatrali”.
Sul territorio si è provveduto al rifacimento di molta della segnaletica stradale orizzontale e verticale e all’aumento della copertura da parte delle telecamere, che oggi sono 49, e che non solo permettono di risalire a chi mette in atto comportamenti fuorilegge, ma anche di mantenere un controllo degli ingressi in città attraverso la lettura delle targhe delle auto, azione utile anche nelle attività investigative in caso del verificarsi di illeciti.

Il Piano Sosta, in sperimentazione da tre anni, ha visto un aumento dei contrassegni rilasciati rispetto agli anni scorsi (solo tra i residenti all’interno della zona blu si è registrato un passaggio dai 373 contrassegni del 2016 ai 359 del 2017), e le sanzioni applicate agli esercizi commerciali hanno visto una diminuzione nonostante l’aumento dei controlli, dato certamente positivo.

In aumento anche i controlli in ambito edilizio e ambientale, con numerose verifiche (20, contro le 18 del 2016), di una delle quali avevamo parlato anche noi qui https://www.fuoridalcomune.it/2017/04/22/vimodrone-il-vivaio-sulla-padana-posto-sotto-sequestro-attivita-chiusa/.

Risultati incoraggianti si sono visti anche nella diminuzione degli incidenti stradali (dagli 84 del 2015 si è passati a 49 nel 2017, grazie anche a una drastica riduzione della velocità delle auto conseguente ai numerosi controlli), del numero dei feriti e degli infortuni sul lavoro, che sono diminuiti dai 1546 del 2016 (anno che aveva visto un forte incremento rispetto ai 933 del 2015), ai 1163 del 2017.

Proprio a questo proposito, ricordando le tragedie che negli ultimi giorni hanno sconvolto la popolazione, il sindaco ha voluto esprimere la sua riconoscenza a tutti coloro che in seguito al deragliamento del treno a Seggiano hanno dedicato il loro tempo ai soccorsi “Anche Vimodrone, in questa fase dolorosa, è presente da ieri con i propri volontari di Protezione Civile”.

È stato poi effettuato, come già anticipato nei mesi scorsi, un concorso per assumere nuovi agenti, uno dei quali, un giovane di soli 22 anni, prenderà servizio tra poco.

La spesa corrente da parte dell’amministrazione per la Polizia Locale ammonta a 750mila euro, utilizzati per stipendi, materiale, armi e rinnovo delle strumentazioni. “La presenza dei vigili di quartiere che sostano con la macchina – ha commentato il sindaco – danno un senso di sicurezza, una percezione dei cittadini di poter essere più sicuri, sia nei confronti dell’amministrazione comunale che di quella delle Forze dell’Ordine, facendo percepire che questi soggetti agiscono in difesa dei loro diritti”.

I PROGETTI PER IL 2018

In risposta alla richiesta di alcuni commercianti di applicare delle azioni che possano favorire un incremento del numero di cittadini che sostino all’interno dell’area blu, il sindaco Veneroni ha commentato: “Il Piano Sosta continuerà, i tre anni di sperimentazione sono scaduti nel 2017, ma a gennaio abbiamo deliberato in giunta le linee guida per il suo proseguimento. Le nuove indicazioni sono allo studio del comandante della Polizia Local,e che presenterà entro tre mesi il nuovo Piano. Abbiamo intenzione di allargare le zone incluse nel Piano, ad esempio a Cascina Burrona, ma andremo a rivedere anche il piano tariffario, aumentando la sosta gratuita, che oggi è di 20 minuti, fino all’incirca a 40 minuti, in modo da favorire gli acquisti dei cittadini pur mantenendo il pagamento per chi, spesso arrivando da fuori Vimodrone, sosta per usufruire della metropolitana. Inoltre – ha continuato il sindaco – abbiamo effettuato un incontro con l’assessore alla Mobilità e ai Trasporti del comune di Milano Granelli perché vorremmo studiare con lui la possibilità di incrementare la sosta a Cascina Burrona, tra terreni di proprietà dell’ATM e terreni nostri, provando a risolvere la questione per far sì che Vimodrone non debba assorbire il problema dei parcheggi di comuni limitrofi come Pioltello e Segrate. Il tutto, prima dell’approvazione, verrà sottoposto a vari incontri di quartiere”.

 

LA CONSEGNA DEI GRADI

A conclusione della mattinata, il sindaco ha personalmente consegnato i gradi ad alcuni agenti, Mirko Festari e Marco Lisciandra (grado di Agente scelto, personale con anzianità nel profilo di almeno 5 anni), Montano Di Benedetto (grado di Assistente scelto con particolari responsabilità e con anzianità nel profilo di almeno 15 anni), e Lorenzo Viezzoli (Assistente scelto, personale con anzianità nel profilo di almeno 15 anni).

LA SFIDA

Se riusciamo – ha spiegato il comandante Pagliarini – a costruire una relazione e una sintonia con la comunità di riferimento, e riusciamo tutti a comprendere che rispettare le regole è più conveniente per tutti, sicuramente noi lavoriamo meglio, ma anche la comunità vive meglio. La sfida è un po’ questa, far comprendere che le scorciatoie e le furbizie non pagano. Paga una società che è segnata dalla legalità, dalla giustizia e dalle pari opportunità. Chi indossa una divisa non deve essere visto come chi punta il dito, ma come un soggetto di riferimento, con il quale i problemi si possono risolvere”.